Questa notizia contiene informazioni turistiche

Scontri nella capitale del Rojava tra i curdi e il regime di Assad

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

sabato 30 aprile 2016
A Qamishli, la capitale del Rojava, si sono verificati scontri tra le truppe di Assad e le milizie curde[1] per quattro giorni, dal 19 al 22 aprile, provocando l'uccisione di 17 civili.[2][3][4][5] Il 23 aprile è stato siglato un cessate il fuoco.[2] Il 30 aprile un attacco suicida a Qamishli, non ancora rivendicato, ha ucciso 5 miliziani curdi.[2]

Il Rojava è la regione a nord della Siria abitata dai curdi. Dopo la battaglia di Kobane, vinta il 26 gennaio 2015,[6] i curdi hanno riconquistato terreno respingendo l'Isis[7] dalle terre abitate dai curdi e costituendo una regione di fatto autonoma, dove la popolazione ha potuto riprendere una vita relativamente normale.

Il regime di Assad sta conducendo un'avanzata di largo raggio nel nord della Siria, culminata nell'attacco alla città di Aleppo. Le truppe governative stanno recuperando terreno sia contro l'Isis[8] che contro i ribelli.[9]

Fonti[modifica]

Note[modifica]