Si moltiplicano le iniziative pro P2P

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

giovedì  31 agosto 2006

Il movimento pro P2P ha deciso di far sentire la propria voce e smuovere le acque della legislazione italiana in materia di scambio di file. Le attuali normative, infatti, sono a detta di molti molto restrittive. Si moltiplicano intanto le iniziative per portare l'attenzione dell'opinione pubblica sul problema, in quanto, secondo i fautori di tali iniziative, non si possono disattendere le promesse di internet per la diffusione della cultura a causa di leggi sul copyright che permettono l'utilizzo di materiale solo dopo diverse decine di anni. Una delle ultime iniziative è stata lanciata da Scambioetico.org, che ha avviato una petizione in questo senso. Nel particolare, la petizione richiede:

  1. una immediata depenalizzazione della condivisione via internet, senza scopo di lucro, di opere protette dal diritto d'autore attraverso un decreto legge;
  2. l'invito ad emanare una legge che, attraverso il pagamento di un canone da destinare alla SIAE, renda legale tale attività;
  3. la richiesta di proporre in ambito internazionale la revisione della convenzione universale sul diritto d'autore per ridurre a 20 anni il tempo di tutela delle opere.

In Italia è in vigore dal 2004 la legge Urbani, che prevede sanzioni penali per chi copia un'opera protetta, anche se non vi è scopo di lucro. Inoltre, la legge punisce sia chi carica sia chi scarica opere protette da copyright.


Ricerca originale
Questo articolo (o parte di esso) si basa su informazioni frutto di ricerche o indagini condotte da parte di uno o più contributori della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.


Fonti[modifica]