Situazione della pirateria mondiale nei primi nove mesi del 2008

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

mercoledì 29 ottobre 2008

Flag of Edward England.svg

In questi giorni l'IMB (Ufficio Marittimo Internazionale) ha reso noto che nei primi 9 mesi del 2008 sono stati segnalati 199 attacchi pirateschi a livello mondiale.

Ufficialmente vi sono stati 115 abbordi, 31 navi dirottate e 23 navi contro cui si è sparato. Per quanto riguarda i marittimi: 581 sono stati presi in ostaggio, 9 sono morti, 9 sono stati rapiti e 7 risultano dispersi. C'è da considerare inoltre che diversi attacchi, che non hanno avuto gravi conseguenze, non sono stati segnalati.

Nel periodo considerato sono aumentate rispetto agli anni precedenti: la violenza connessa a questi attacchi, il numero di sequestri e le richieste di riscatti.

Il maggior numero di atti di pirateria si è avuto nelle acque somale, nigeriane ed indonesiane. Al primo posto compare la Somalia con 63 attacchi, avvenuti principalmente nel Golfo di Aden, dove molti abbordaggi sono stati bloccati sul nascere grazie anche alla presenza delle unità militari della coalizione e della guardia costiera yemenita. Al secondo posto c'è la Nigeria con 24 assalti ed al terzo l'Indonesia, dove gli attacchi denunciati sono stati 23. Infine vi sono state altre azioni piratesche, considerate di minore importanza, in altre zone del mondo.

Articoli correlati[modifica]

Fonti[modifica]