Striscia di Gaza: Israele bombarda i tunnel

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

mercoledì 28 gennaio 2009

Stamattina l'aviazione israeliana ha effettuato tre raid con bombe di penetrazione colpendo i tunnel utilizzati per il contrabbando tra la Striscia di Gaza e l'Egitto. I palestinesi si servono di questi cunicoli sotterranei per eludere la sorveglianza sull'area al fine di approvvigionarsi di beni ed armi.

Mark Regev, portavoce del governo israeliano, dichiara: «Di fronte alle provocazioni reagiremo per difendersi». Hamas è «considerato responsabile del mantenimento della quiete nei villaggi della parte meridionale d'Israele», e che «contro qualsiasi tentativo di turbarla la risposta sarà durissima».

Sempre in mattinata, un razzo è stato sparato verso Negev in Israele, senza causare feriti.

Ieri un soldato israeliano è morto e tre sono rimasti feriti, a seguito di una esplosione lungo la barriera tra Israele e la Striscia di Gaza, causata, secondo i testimoni, da un piccolo gruppo di miliziani. Nello scontro a fuoco che ne è seguito un pastore palestinese ha perso la vita.

Sempre ieri, è giunto in Egitto George Mitchell, l'inviato speciale Usa per il Medio Oriente del neo-presidente americano Barack Obama.

Articoli correlati[modifica]

Fonti[modifica]

Wikivoyage

Wikivoyage ha un articolo su Israele.