Turchia, 17 morti nel crollo di un dormitorio a Balcilar

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto

venerdì 1 agosto 2008

Flag of Turkey.svg

Una esplosione di una bambola di gas ha causato il crollo di un dormitorio femminile, nella città di Balcilar, nel sud della Turchia, provocando 17 morti e 27 feriti.

Le autorità locali temono che sotto le macerie siano rimaste intrappolate altre ragazze, mentre i soccorritori continuano a scavare dotati di picconi e ruspa, aiutati dalla gente del posto.

Il sindaco della città, Mehmet Demirgul, ai microfoni della televisione turca NTV ha affermato: «Sentiamo le voci. Credo che le persone rimaste sepolte verranno salvate. Ci hanno comunicato che 16 studentesse (poi diventate 17) sono morte e 27 sono rimaste ferite. Pensiamo che ci siano ancora da quattro a sei bambine sotto le macerie».

All'interno dell'edificio di tre piani, al momento del crollo, si trovavano 50 persone circa tra insegnanti e studentesse.

Un funzionario sanitario della Konya Galip Sef ha detto: «Pensiamo che il crollo sia stato causato dall'esplosione di una bombola di gas nell'edificio, date le ustioni delle persone ferite».


Fonti[modifica]