Ubuntu 11.10 è stato rilasciato

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

giovedì 13 ottobre 2011

Screenshot di Ubuntu 11.10 in lingua esperanto

La nuova versione di Ubuntu, la 11.10, è stata rilasciata questo pomeriggio. Un messaggio nella mailing list da parte di Kate Stewart ha avvisato gli utenti di tutto il mondo dell'effettivo caricamento della nuova versione sui server sparsi in tutto il mondo.

La quindicesima versione della distribuzione di casa Canonical è dedicata all'ocelot, o gattopardo. Le principali modifiche sono state le integrazioni di GNOME 3 in Ubuntu, il supporto dei programmi a GTK3 e l'aggiornamento del kernel Linux alla versione 3.0.

In più, Oneiric Ocelot è la prima versione ad essere rilasciata senza la versione classica di GNOME: infatti in automatico, se le potenzialità del computer non lo permettono, Ubuntu carica la versione 2D di Unity, che era già approdato nella versione precedente (11.04, Natty Narwhal) affiancato a GNOME2. Degni di nota sono l'aggiunta di Déjà Dup per fare i backup dei file e la sostituzione di Evolution con Thunderbird e del login grafico GDM con LightDM. Rimossi invece PiTiVi e Synaptic, sostituito dalla nuova versione 5.0 di Ubuntu Software Center, a cui sono state fatte aggiunte per la gestione dei pacchetti, oltre che migliorie grafiche.

Uscendo dalla distribuzione originaria, Muon Software Center è diventato il gestore di applicazioni predefinito per Kubuntu, Ubuntu Studio è passato all'interfaccia grafica Xfce e Lubuntu diventa una derivazione ufficiale.

Otto giorni fa Mark Shuttleworth, CEO di Canonical, ha annunciato che la futura versione di Ubuntu, la 12.04, si chiamerà Precise Pangolin e sarà una LTS, Long Term Support, ovverò avrà un supporto maggiore delle altre versioni.

Altri progetti[modifica]

  • Collabora a Commons Commons contiene immagini o altri file su Ubuntu 11.10
  • Fonti[modifica]

    Notizia originale
    Questo articolo contiene notizie di prima mano comunicate da parte di uno o più contribuenti della comunità di Wikinotizie.

    Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.