Utente:Elikrotupos/Disney e Pixar annunciano i loro film d'animazione dal 2008 al 2012

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

mercoledì 9 luglio 2008 Il 7 aprile 2008 Walt Disney Animation Studios (WDAS) e Pixar Animation Studios (Pixar) hanno tenuto una conferenza stampa a New York per presentare i loro film d'animazione la cui uscita è prevista da qui al 2012. Un annuncio in grande stile, che ha visto sfilare sul palcoscenico della presentazione tutti i responsabili dei film annunciati, ovvero registi e produttori, guidati dal "conduttore" della serata John Lasseter, vincitore di due premi Oscar e Direttore Creativo dei due studios. Durante la serata i registi e produttori dei vari film hanno mostrato al pubblico immagini di anteprima in vari stadi di lavorazione e hanno dato anticipazioni della trama e dei personaggi.

L'annuncio conferma molte delle voci che si erano ufficiosamente inseguite negli ultimi mesi, ma lascia ancora adito a speculazioni riguardo ad alcune altre voci come ad esempio il tanto vituperato e sempre rimandato progetto Gnomeo and Juliet, o i film d'animazione affidati a Tim Burton (che ha firmato per realizzare una versione in motion capture di Alice nel Paese delle Meraviglie e un film in stop-motion tratto dal suo vecchio cortometraggio live-action Frankenweenie) e a Robert Zemeckis (alle prese con l'ennesimo adattamento del romanzo di Charles Dickens Il canto di Natale, coprodotto dalla Disney e dalla ImageMovers Digital, anche questo realizzato in motion capture come i suoi precedenti The Polar Express e La leggenda di Beowulf, questi due non realizzati con la Disney).

Walt Disney Animation Studios[modifica]

I film previsiti dai WDAS sono quattro, quasi tutti in animazione al computer (CGI) tranne uno, The Princess and the Frog, che segna il ritorno all'animazione tradizionale abbandonata nel 2004 con il film Mucche alla riscossa. Inoltre tutti i prossimi film WDAS saranno distribuiti anche nei cinema digitali nel formato Disney Digital 3-D™, un sistema proprietario di proiezione tridimensionale digitale.

Ecco in dettaglio i film annunciati:

Bolt[modifica]

Registi Chris Williams e Byron Howard
Produttore Clark Spencer
Compositore John Powell
Voci originali John Travolta, Miley Cyrus, Susie Essman, Malcolm McDowell
Data di rilascio 28 novembre 2008 (in U.S.A. e Italia)

Questo film, animato al computer, racconta la storia di Bolt (voce di John Travolta), protagonista di una serie televisiva di successo dove interpreta un cane dotato di superpoteri ma, spentisi i riflettori, continua a credere di essere un supereroe e che la sua padroncina Penny (Miley Cyrus, la star di Disney Channel "Hannah Montana") sia ancora in pericolo a causa del "malvagio" Uomo dall'Occhio Verde, il Dr. Calico (voce di Malcolm McDowell). Quando verrà per sbaglio portato a New York, lontano dal suo set hollywoodiano, tenterà di tornare indietro per salvare Penny, supportato da alcuni compagni conosciuti lungo la strada, ovvero la gatta Mittens (che non crede nei suoi poteri) e il criceto Rhino (fan sfegatato dello show di Bolt, di cui quindi appoggia la "missione di salvataggio").

Al film, nei cinema, verrà abbinato il cortometraggio dello stesso regista, Chris Williams, Glago's guest, presentato al Festival Internazionale dell'Animazione di Annecy nel giugno 2008. Questo cortometraggio, animato in CGI, è il secondo di una nuova ondata di corti voluta dalla Disney, iniziata con Pippo e l'home theater nel 2007 (abbinato in America al film d'avventura Il mistero delle pagine perdute - National Treasure 2 e in Europa al film per famiglie Cambio di gioco) e che ha segnato il ritorno del personaggio di Pippo al cinema dopo più di 30 anni dalla sua ultima apparizione sul grande schermo con un cortometraggio (Goofy's Freeway Troubles, del 1965). Almeno altri due cortometraggi sono previsti, ma non è stato ancora annunciato a quali film verranno abbinati: The ballad of Nessie, ispirato al celebre mostro del lago di Lochness, e Prep and landing, una simpatica storia sugli aiutanti di Babbo Natale.

The Princess and the Frog[modifica]

Registi John Musker e Ron Clements
Produttore Peter Del Vecho
Compositore Randy Newman
Voci originali Anika Noni Rose, Keith David, Jenifer Lewis, John Goodman
Data di rilascio Natale 2009 (in U.S.A. e in Italia)

Dai registi che nel 1989 riportarono in auge la Disney con il primo di una lunga serie di fortunati musical d'animazione, La sirenetta, vent'anni dopo si spera che il musical (in animazione tradizionale) The Princess and the Frog riporti in auge la Disney dopo un periodo di crisi sia creativa sia di incassi, almeno sul fronte dei film d'animazione. Non sarà il compositore Alan Menken a curare la colonna sonora di questo musical, come fece negli anni '90 con la Disney vincendo otto premi Oscar, ma Randy Newman, che porterà il suo stile country/jazz in questo ritorno disneyiano alle atmosfere fiabesche. Randy Newman, proveniente da una stimata famiglia di compositori per il cinema che ha come capostipite Alfred Newman (l'autore della celebre fanfara della 20th Century Fox e vincitore di 9 premi Oscar), non è nuovo alla composizione di colonne sonore per film d'animazione: per la Disney realizzò il musical James e la pesca gigante, mentre cinque dei nove film Pixar portano nella colonna sonora la sua firma (e uno gli valse anche l'Oscar per la miglior canzone, Monsters & co.).

E il jazz è davvero la colonna sonora ideale per questo nuovo musical ambientato a New Orleans e che ha per protagonista una principessa afro-americana, Tiana (voce di Anika Noni Rose) alle prese con una maledizione voodoo che trasforma lei e il suo principe (Keith David) in ranocchie. Con questo film la Disney spera di recuperare quel ruolo che negli anni '90 aveva sempre avuto, a Natale, come "film dell'anno", titolo e collocazione temporale che aveva perso da tempo, ma che aveva sostituito con prodotti succedanei quali la serie dei Pirati dei Caraibi e il film misto animazione/live-action dello scorso anno Come d'incanto.

Rapunzel[modifica]

Registi Glen Keane e Dean Wellins
Produttore Roy Conli
Data di rilascio Natale 2010 (in U.S.A.)

Ispirato alla celebre Raperonzolo, fiaba di inizio '800 dei fratelli Grimm, questo film è l'esordio alla regia di un animatore Disney di lungo corso, Glen Keane. Fra i suoi personaggi più famosi e riusciti ci sono Ariel de La sirenetta, la Bestia de La Bella e la Bestia, Aladdin dell'omonimo film, Tarzan dell'omonimo film, e Long John Silver de Il pianeta del tesoro. Nonostante il regista sia un animatore "a matita", questo film sarà in CGI, sebbene con una tecnica innovativa si uniranno sia l'animazione tradizionale che quella al computer per la gestione degli sfondi e delle scenografie.

King of the Elves[modifica]

Registi Aaron Blaise e Robert Walker
Produttore Chuck Williams
Data di rilascio Natale 2012 (in U.S.A.)

Dopo una pausa nel 2011 (per lasciare spazio a due film Pixar), a Natale del 2012 la Disney tornerà con questo progetto, diretto dai registi di Koda, fratello orso, per ora in fase molto prematura di lavorazione, ma che lascia già intravedere delle particolarità non indifferenti. Infatti è tratto da un racconto di Philip K. Dick, autore già molto adattato al cinema ma mai dalla Disney; un racconto che non è di fantascienza ma bensì fantasy. E' la storia di un uomo che abita sul delta del Mississipi, intercettato da una banda di folletti/elfi che lui non ha la minima intenzione di aiutare. Ciononostante ne diventerà, suo malgrado, il Re che li guiderà nella lotta contro malvagi troll che minacciano il loro mondo, con il rischio però che il nostro eroe non possa più ritornare nella sua vita reale.

Pixar Animation Studios[modifica]

Sei sono invece i film d'animazione in produzione alla Pixar. Anche questi saranno tutti (tranne il più prossimo, WALL•E) distribuiti anche in versione Disney Digital 3-D™. Sono ovviamente tutti quanti animati in CGI, caratteristica di questo studio di animazione che però ha dimostrato di non disdegnare esperimenti in animazione tradizionale (come ad esempio i titoli di testa di Monsters & co., i titoli di coda di Ratatouille, e il cortometraggio per DVD Il tuo amico topo che presenta sequenze in varie tecniche d'animazione).

In questa presentazione non sono stati confermate le voci sui due progetti in live-action che la Pixar dovrebbe produrre, confermati ufficiosamente in altre sedi dai registi interessati, ovvero 1906 di Brad Bird (co-prodotto con la Warner Bros. e tratto da un omonimo romanzo di James Dalessandro sul terremoto di San Francisco del 1906) e la trilogia di "John Carter of Mars" (basata sui primi tre libri della omonima serie di fantascienza di Edgar Rice Burroughs) scritta, e forse diretta, da Andrew Stanton e Mark Andrews.

WALL•E[modifica]

Regista e sceneggiatore Andrew Stanton
Produttori Jim Morris, Lindsey Collins (co-produttore)
Compositore Thomas Newman, Peter Gabriel (co-autore di due brani e della canzone "Down to Earth")
Voci originali Ben Burtt (suoni), Jeff Garlin (dal vivo), Fred Willard, Sigourney Weaver, John Ratzenberger, Kathy Najimy
Data di rilascio 27 giugno 2008 (in U.S.A)
17 ottobre 2008 (in Italia)

L'idea di un robot lasciato da solo sulla Terra a svolgere il suo sporco lavoro di operatore ecologico per 700 anni girava nella testa del regista Andrew Stanton da più di 10 anni, quando era appena uscito il primo film Pixar Toy Story e si pensava ai progetti futuri. Ma un robot che si esprime solo con dei "beep" per buona parte del film era un'idea troppo sperimentale per l'epoca. Ora, dopo dieci anni ininterrotti di successi certificati da pubblico e critica, il momento è propizio e questo robottino WALL-E può invadere le sale cinematografiche di tutto il mondo e far innamorare gli spettatori con i suoi "beep" e suoni elettronici creati appositamente per lui (e per gli altri robot del film) dal genio del sound design Ben Burtt, l'uomo che sta dietro a un altro famoso robot della storia del cinema, R2-D2 della saga di Star Wars (creatore inoltre dell'inconfondibile suono delle spade laser o della schioccante frusta del dottor Henry "Indiana" Jones).

WALL•E non è solo un film di fantascienza, anzi era precisa intenzione del regista farne una storia d'amore fra robot (con la robottina-sexy disegnata con la consulenza del designer dell'iPod Jonathan Ives) sullo sfondo di un umanità svilita dall'iperconsumismo e dall'inquinamento del pianeta. Un messaggio ecologista che non manca di smuovere gli animi del pubblico americano alla vigilia delle elezioni di un nuovo presidente e dopo il documentario allarmista dell'ex-vicepresidente Al Gore Una scomoda verità.

Up[modifica]

Regista Pete Docter, Bob Peterson (co-regista e sceneggiatore)
Produttori Jonas Rivera
Compositore Michael Giacchino
Voci originali Ed Asner, Christopher Plummer, John Ratzenberger, Jordan Nagai
Data di rilascio 29 maggio 2009 (in U.S.A)
28 agosto 2009 (in Italia)

C'è una storia triste e malinconica alla base del 10° lungometraggio d'animazione della Pixar: un uomo, Carl Fredricksen, e sua moglie che per tutta la vita sognano di girare il mondo ma sono costretti a casa dalle bollette e degli acciacchi dell'età che sopraggiungono inesorabili. Quando, a 78 anni, pare che sia troppo tardi e che il sogno sia irrealizzabile, arriva un piccolo boyscout, Russel, che per fare la sua buona azione quotidiana condurrà il vecchio signor Fredricksen verso il Sud America, nel viaggio che aveva sempre sognato. Come lo faranno? Applicando qualche palloncino alla casa dell'anziano sognatore, casa che prenderà a galleggiare nell'aria e che i due si tireranno dietro come un aquilone tramite la pompa dell'acqua del giardino. Dopo questo prologo malinconico e visionario, non mancheranno gli elementi di divertimento e di avventura, con l'incontro di animali selvatici della giungla e inaspettati "cattivi". Dal regista dell'altrettanto avventuroso e divertente Monsters & Co.

Toy Story 3[modifica]

Regista Lee Unkrick
Sceneggiatore Michael Arndt
Produttori Darla K. Anderson
Compositore Randy Newman
Voci originali Tom Hanks, Tim Allen, Joan Cusack, Don Rickles, Wallace Shawn, Estelle Harris, John Ratzenberger, Ned Beatty
Data di rilascio 18 giugno 2010 (in U.S.A)

Nel 2010 la saga dei giocattoli di Toy Story si arricchirà di un terzo capitolo, sceneggiato dal premio Oscar Michael Arndt (miglior sceneggiatura originale per Little Miss Sunshine). Tutti i vecchi personaggi torneranno, anzi qualcuno avrà più spazio che in passato, e si troveranno tutti alle prese con un momento che prima o poi doveva arrivare: il loro padrone è cresciuto, va al college, e non ha più tempo per i giocattoli. Ancora non è stata diffusa una trama dettagliata, ma l'idea di base è questa.

Toy Story e Toy Story 2 in Disney Digital 3-D™[modifica]

Per preparare il pubblico a questo terzo capitolo, la Disney ha deciso di redistribuire nelle sale cinematografiche la versione restaurata e in Disney Digital 3-D™ dei primi due film, usciti per la prima volta al cinema rispettivamente nel 1995 e nel 1999. La versione 3-D di Toy Story uscirà il 2 ottobre 2009 (il 9 ottobre 2009 in Italia), mentre quella di Toy Story 2 il 12 febbraio 2010.

newt[modifica]

Regista Gary Rydstrom
Sceneggiatori Gary Rydstrom e Leslie Caveny
Produttori Richard Hollander
Data di rilascio Estate 2011 (in U.S.A)

Il tecnico del suono Gary Rydstrom, vincitore di sette premi Oscar per il sound design, si è già dato alla regia nel 2006, quando la Pixar gli concesse la possibilità di dirigere il cortometraggio Stu - Anche un alieno può sbagliare (uscito al cinema nel 2007 con Ratatouille). Nel 2011 dirigerà il suo primo lungometraggio, newt, la storia dell'ultima coppia di salamandre dai piedi blu rimasta sul pianeta. Per garantire la sopravvivenza della loro specie Newt e Brooke, questo il nome del maschio e della femmina della coppia, dovranno amarsi e riprodursi, ma sarà difficile perché... non si sopportano a vicenda. La Pixar nel 2011 prende una svolta decisamente umoristica con questo film, e può anche permetterselo, perché pochi mesi dopo, a Natale, sfornerà il vero film dell'anno, The Bear and the Bow.

The Bear and the Bow[modifica]

Regista Brenda Chapman
Produttori Katherine Sarafian
Voci originali Reese Witherspoon, Billy Connolly, Emma Thompson
Data di rilascio Natale 2011 (in U.S.A)

The Bear and the Bow ("L'orso e l'arco" è la traduzione letterale italiana) è un film che nasce già sulla carta come l'erede dei grandi Classici Disney, in primis perché è una fiaba, e secondopoi perché il progetto è affidato alla guida di Brenda Chapman, sceneggiatrice de Il Re Leone e regista de Il principe d'Egitto, i film di maggiore successo rispettivamente di Disney e Dreamworks Animation. È da notare che l'uscita natalizia concessa dalla Disney per questo film lo eleva decisamente al rango di Classico, sarà infatti a tutti gli effetti il primo film con una principessa in computer grafica (la Disney l'ha già inserita nel suo brand delle "Principesse Disney"). Come impone una regola non scritta, in Pixar, non sarà un musical nonostante ricalcherà la struttura tipica delle fiabe classiche, portate al cinema dalla Disney in forma spesso e volentieri musicale.

La fiaba, originale e scritta appositamente per il film, narra di una famiglia reale delle Highlands, in Scozia: il re Fergus (voce di Billy Connolly), la regina Elinor (Emma Thompson), la "real tripletta" ovvero i loro tre figli piccoli, e l'eroina del film, la rossa principessa Merida (Reese Witherspoon), affatto attratta dalla vita di corte ma abile arciera. Ribelle come tutti i giovani, si caccerà in una serie di pericoli per lei e per la sua famiglia, che dovrà risolvere con l'aiuto delle forze della natura e della magia. Nel film ci sarà anche una "strega cattiva" (o meglio, una caricatura di questo ruolo classico) con la voce di Julie Walters.

Cars 2[modifica]

Regista Brad Lewis
Data di rilascio Estate 2012 (in U.S.A)

Il film Cars - Motori ruggenti non ha avuto il solito successo che hanno i film Pixar presso la critica e il botteghino, ma si è rivelato nel corso del tempo una miniera d'oro per il merchandising Disney. Non farà sicuramente male, allora, alle casse della Disney un nuovo episodio di questo film, messo in produzione per il lontano 2012, e affidato alla inedita regia di Brad Lewis, produttore di Ratatouille. In questo episodio le auto protagoniste Saetta McQueen e Carl Attrezzi prenderanno i loro passaporti e andranno in giro per il mondo. Ovviamente, a un tale stadio di prematurità, questo è il massimo che si conosce della trama del film.

DisneyToon Studios[modifica]

La Disney ha presentato, oltre ai quattro lungometraggi destinati alle sale cinematografiche, anche una nuova serie di quattro film d'animazione in CGI per il mercato dell'home entertainment, prodotti dai DisneyToon Studios, basati sul personaggio di Campanellino del film Disney del 1953 Le avventure di Peter Pan, dal titolo Tinker Bell (Trilli in italiano). I film saranno distribuiti in DVD e Bluray Disc.

Trilli[modifica]

Data di rilascio Titolo Regista Produttore
28 ott 2008 Tinker Bell
Trilli (titolo italiano)
Bradley Raymond Jeannine Roussel
2009 Tinker Bell - North of Neverland* Klay Hall Sean Lurie
2010 Tinker Bell - A midsummer storm* Carolyn Gair Margot Pipkin
2011 Tinker Bell - A winter story* - Sean Lurie

* Titolo di lavorazione

La serie di Trilli e delle sue amiche fatine, ovvero le "Disney Fairies", è nata "su carta", dal romanzo illustrato di Gail Carson Levine Trilli e l'isola delle fate, e dal magazine Il mondo segreto di Trilli nato e sviluppato nella sede milanese della divisione Global Magazine della Disney[1].

Riferimenti[modifica]

  1. Disney Consumer Products: Disney Fairies. 01-2008

Fonti[modifica]

Ricerca originale
Questo articolo (o parte di esso) si basa su informazioni frutto di ricerche o indagini condotte da parte di uno o più contributori della comunità di Wikinotizie.
Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.