Vodafone cambia i piani tariffari

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

sabato 23 agosto 2008

Vodafone Italia ha dato avvio negli ultimi giorni al massiccio invio ai suoi clienti di un messaggio SMS che informa dell'assegnazione d'ufficio, a decorrere dal 1° ottobre 2008, ad un diverso piano tariffario e invita a comporre un numero gratuito per ulteriori informazioni.

In particolare, ben 31 degli oltre 100 piani disponibili (tutti nati tra il 1998 e il 2003 e non più attivabili) saranno sostituiti da sette opzioni, assegnate automaticamente sulla base del tipo di opzione tariffaria dell'utente.

I motivi addotti dall'operatore telefonico per questa che è una delle più grandi rimodulazioni della storia della telefonia mobile italiana sono vari, e vanno dalla semplificazione della sistemistica Vodafone, ad alcune presunte incompatibilità tra vecchi piani tariffari e nuove opzioni forfettarie e promozionali.

Tra le ulteriori possibilità, oltre all' accettazione di quanto stabilito dal gestore, c'è la scelta di uno tra cinque piani tariffari attualmente offerti da Vodafone Italia, tra cui la "Promozione Infinity" per parlare gratis con tutti i numeri Vodafone dopo il primo minuto di ogni chiamata (per un massimo di 30 minuti a chiamata e 1000 minuti al mese), oppure l'attivazione di una speciale tariffa "Easy Day Special", da attivarsi con Carta Servizi da 8€ che saranno successivamente rimborsati e con obbligo di ricarica mensile, oltre ovviamente al diritto di recesso che è garantito, da ultimo, dalla legge n° 40 del 2007.

Critiche le associazioni dei Consumatori che denunciano sospetti di cartello, dato che anche TIM sta rivedendo al rialzo le proprie tariffe in questi mesi, e parlano di vessazioni contrattuali. L'ADUC, Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori, ha pronta una diffida che chiunque potrà inviare al gestore e sia Adusbef che FederConsumatori chiedono l'intervento dell'Antitrust.

Nulla fanno, dal canto loro, gli operatori Vodafone per chiarire la questione. Interpellati, infatti, in merito alla liceità del cambio di un piano tariffario, che Vodafone dichiara essere «per sempre» a differenza delle promozioni, entrano in misteriosa confusione. Tutti dichiarano che l'azienda non li ha assolutamente informati delle basi legali della propria scelta ma ha solo detto loro di riferire che vi sarebbero «norme legislative» che l'autorizzano. Alcuni accennano al Decreto Bersani, altri al Codice delle Comunicazioni, e solo un operatore, dopo lunga ricerca, informa che l'unico appiglio legale di cui Vodafone dispone sono gli articoli 18 e 23 delle Condizioni Generali di Contratto di Vodafone stessa.

Fonti[modifica]

Notizia originale
Questo articolo contiene notizie di prima mano comunicate da parte di uno o più contribuenti della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.