È morto Ennio Morricone

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

lunedì 6 luglio 2020

Ennio Morricone al festival di Cannes nel 2007

È morto Ennio Morricone all'età di novantuno anni, all'interno del Campus Biomedico di Roma dove era ricoverato dopo essersi rotto il femore a causa di una caduta. Considerato da molti come l'autore delle colonne sonore più belle del cinema italiano e mondiale, per i suoi lavori ha vinto due Premi Oscar: quello onorario del 2007 e l'Oscar alla migliore colonna sonora nel 2016 per il lungometraggio The Hateful Eight, diretto da Quentin Tarantino.

La famiglia ha detto che i funerali si terranno in privato, «nel rispetto del sentimento di umiltà che ha sempre ispirato gli atti della sua esistenza». Anche il presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella ha espresso il suo dolore su Twitter:

Twitter Logo.png « #Mattarella: La scomparsa di Ennio #Morricone ci priva di un artista insigne e geniale. Musicista insieme raffinato e popolare, ha lasciato un’impronta profonda nella storia musicale del secondo Novecento. »

Il presidente del consiglio dei ministri Giuseppe Conte si è accodato nel ricordo di Morricone:

Twitter Logo.png « Ricorderemo sempre, con infinita riconoscenza, il genio artistico del Maestro #EnnioMorricone. Ci ha fatto sognare, emozionare, riflettere, scrivendo note memorabili che rimarranno indelebili nella storia della musica e del cinema »

Domani verrà pubblicato su tutti i quotidiani il necrologio, scritto dallo stesso Morricone, di cui abbiamo l'anteprima:

« Io, Ennio Morricone, sono morto.

Lo annuncio così a tutti gli amici che mi sono stati sempre vicino e anche a quelli un po' lontani che saluto con grande affetto. Impossibile nominarli tutti. Ma un ricordo particolare è per Peppuccio e Roberta, amici fraterni molto presenti in questi ultimi anni della nostra vita. C'è una sola ragione che mi spinge a salutare tutti così e ad avere un funerale in forma privata: non voglio disturbare.

Saluto con tanto affetto Ines, Laura, Sara, Enzo e Norbert, per aver condiviso con me e la mia famiglia gran parte della mia vita.

Voglio ricordare con amore le mie sorelle Adriana, Maria, Franca e i loro cari e far sapere loro quanto gli ho voluto bene. Un saluto pieno, intenso e profondo ai miei figli Marco, Alessandra, Andrea, Giovanni, mia nuora Monica, e ai miei nipoti Francesca, Valentina, Francesco e Luca. Spero che comprendano quanto li ho amati.

Per ultima Maria (ma non ultima). A lei rinnovo l'amore straordinario che ci ha tenuto insieme e che mi dispiace abbandonare. A Lei il più doloroso addio. »

Fonti[modifica]

Wikipedia

Wikipedia ha una voce su Ennio Morricone.