Aereoporti di Catania e Trapani in sovraccarico

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

sabato 25 settembre 2010
L'aeroporto di Trapani Birgi da ieri gestisce 40 voli dirottati da Palermo causando un notevole scompenso allo scalo siciliano che si trova a gestire circa 6000 passeggeri.

«La struttura trapanese, dimensionata su un livello di servizio e di capacità oraria di un milione di passeggeri annui, sta operando al ritmo di una aerostazione da 4 milioni di passeggeri annui per garantire tutti i voli dirottati» dice il presidente dell'Airgest, la società di gestione dell'aeroporto «con senso di responsabilità abbiamo accettato i voli dirottati [...] e stiamo dando il massimo». D'altronde, l'alternativa sarebbe la cancellazione di tutti i voli dirottati da Palermo, con disagi, forse, maggiori.

Anche allo scalo di Catania, il "Fontanarossa", la situazione è in emergenza, ma fortunatamente «non si registrano inconvenienti o ritardi importanti». Infatti le difficoltà sono all'esterno dell'aeroporto, perché è molto difficile trovare un autobus per Palermo con tempismo.

Il presidente dell'ENAC comunica che lo scalo di Palermo rimarrà chiuso almeno fino alle 14 di domani. La causa è l'incidente aereo avvenuto ieri, nel quale un Airbus è finito fuori pista con 123 passeggeri a bordo. L'aereo ha tranciato l'antenna dell'Instrument landing system (ILS) che deve essere ripristinata prima di portare di nuovo alla massima funzionalità lo scalo palermitano.

Fonti[modifica]

Wikivoyage

Wikivoyage ha un articolo su Sicilia.