Afghanistan, attacco agli italiani: un soldato ucciso

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

mercoledì 13 febbraio 2008

Un soldato italiano è rimasto ucciso, ed un altro è ferito, a seguito di un agguato in Afghanistan. Secondo quanto riferito dallo Stato Maggiore della Difesa, i due militari, appartenenti al corpo dell'Esercito, sono stati colpiti, uno dei quali mortalmente, nel corso di una sparatoria a 60 km dalla capitale afghana, Kabul, mentre compivano una missione.

La tragedia si è verificata alle 11 passate in Italia, quando in Afghanistan erano già le 15. Lo stato maggiore ha diffuso un comunicato, che recita: «Militari italiani della Task Force Surobi, in attività di cooperazione civile e militare e sostegno sanitario alla popolazione, sono stati fatti segno di alcuni colpi di arma da fuoco portatili da parte di elementi armati ostili a cui i militari italiani hanno risposto. A seguito dello scontro un militare italiano è deceduto mentre un secondo risulta leggermente ferito».

Il ferito, le cui condizioni di salute non desterebbero al momento preoccupazione, è stato trasferito presso l'ospedale militare francese di Camp Warehouse.

Il presidente del consiglio dimissionario, Romano Prodi, ha espresso il suo cordoglio per l'accaduto: La missione in Afghanistan è la nostra missione principale all'estero e abbiamo deciso di portarla avanti, proprio perché ha un obiettivo di lungo periodo», per poi aggiungere: «Il nostro militare era impegnato in una delle missioni caratteristiche che si fanno in Afghanistan, cioè quella di porre sotto controllo la ricostruzione della società civile». «Purtroppo è stato colpito improvvisamente, proditoriamente, cioè non è stata una battaglia, è stato colpito mentre esercitava questa funzione».

Diversi esponenti della sinistra radicale, tra i quali Franco Giordano e Pino Sgorbio hanno ribadito, come altre volte, la loro posizione in merito e la richiesta del ritiro delle truppe dal paese asiatico.

Il militare ucciso si chiamava Giovanni Pezzullo, ed è la dodicesima vittima del contingente italiano a morire in missione in Afghanistan.

Fonti