Battezzato Eris il terzo pianeta nano del sistema solare

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

giovedì  14 settembre 2006

Dopo la risoluzione del 24 agosto scorso, in cui aveva emanato una radicale ridefinizione del termine pianeta e aveva introdotto nella terminologia astronomica il nuovo concetto di pianeta nano, l'Unione Astronomica Internazionale si è ora pronunciata sulla designazione ufficiale che accompagnerà il più recente dei tre pianeti nani sinora scoperti: l'elusivo 2003 UB313, sinora noto con il nome informale di Xena.

Tramite una decisione congiunta raggiunta quasi all'unanimità dal Comitato per la Nomenclatura degli Oggetti Minori (Committee on Small-Body Nomenclature) e dal Gruppo di Lavoro sulla Nomenclatura Planetaria (Working Group on Planetary System Nomenclature), l'Unione Astronomica ha attribuito all'oggetto celeste di recente scoperta il nome ufficiale di Eris, la dea della discordia secondo la mitologia greca.

Origine del nome

Il nome è un evidente riferimento alle lunghe discussioni che sono scaturite dalla scoperta del nuovo corpo celeste, nel 2003; le sue dimensioni, maggiori rispetto a quelle di Plutone, avevano inevitabilmente dato origine ad un incessante dibattito legato all'opportunità di definire Eris il decimo pianeta o di rimuovere lo stesso Plutone dalla categoria, in virtù delle sue dimensioni troppo esigue.

Molti fanno inoltre curiosamente notare che Eris è il nome di un personaggio minore della serie televisiva statunitense "Xena, la principessa guerriera", la stessa serie da cui gli scopritori dell'oggetto avevano tratto il nome non ufficiale del pianeta e del suo satellite naturale.

Curiosamente, per il nuovo oggetto celeste è stato scelto un nome greco; sinora i pianeti erano sempre stati intitolati a personaggi della mitologia romana, mentre i satelliti maggiori riprendevano i nomi di personaggi della mitologia greca, e i satelliti minori si riferivano spesso a mitologie più esotiche (ad esempio quella norrena o inuit). Non facevano eccezione lo stesso Plutone e neppure Cerere, il primo asteroide ad essere scoperto, che nei primi decenni successivi alla sua individuazione (nell'anno 1800) era stato considerato un pianeta. L'Unione Astronomica vuole forse introdurre una nuova convenzione di nomenclatura che preveda, per i nuovi pianeti nani, la scelta di nomi provenienti dalla mitologia greca.

Satellite naturale

Contestualmente al battesimo di Eris, l'Unione Astronomica Internazionale ha anche ufficializzato la scelta di un nome definitivo per il suo unico satellite naturale conosciuto, Disnomia; si tratta di una figlia di Eris, personificazione del malgoverno e della sregolatezza secondo la stessa mitologia greca. Il satellite era precedentemente noto mediante la designazione provvisoria S/2005 (2003 UB313) 1.

Fonti

  • «Circolare 8747»Unione Astronomica Internazionale, 14 settembre 2006