Birmania: ciclone Nargis provoca 351 morti

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

domenica 4 maggio 2008

Il ciclone Nargis visto dal satellite della NASA

Il ciclone Nargis si sta abbattendo sulla Birmania, dove ha già provocato 351 morti. Il bilancio è stato riferito da un portavoce del governo residente nella capitale del Myanmar, Naypyidaw.

20.000 case sull'isola di Haingyi nel Mare delle Andamane, prima parte colpita, sono state abbattute dalla tempesta, secondo quanto afferma il funzionario. Nell'ex-capitale Yangon le televisioni statali non trasmettono ancora.

Per le stime sono almeno 90.000 i senza tetto.

È stato dichiarato lo stato di calamità in cinque regioni dal governo militare, che governa il paese dal 1989.

Nella città di Yangon l'elettricità e l'acqua corrente sono assenti. Le strade dell'ex-capitale sono coperte dai rami e dai detriti caduti dagli edifici. L'area del delta del fiume Irrawaddy è quella più colpita: i mass media hanno informato che il 70% delle case sono state rase al suolo.

Articoli correlati

Fonti