Vai al contenuto

Calcio, Mondiali 2010: colpaccio della Svizzera, vince il Cile, Sudafrica travolto

Questa pagina è protetta
Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto

mercoledì 16 giugno 2010

Segui lo Speciale Mondiali 2010 su Wikinotizie!

Diego Forlán si appresta a battere il rigore durante Sudafrica-Uruguay

Altre 3 partite nel sesto giorno di mondiali, clamorosa impresa della Svizzera. Il Sudafrica è quasi fuori.

GIRONE H - Si completano con le sfide del girone H le partite della prima giornata dei mondiali. Alle 13.30 al Mbombela Stadium di Nelspruit si sfidano due formazioni americane, Honduras e Cile. I cileni dimostrano una certa superiorità tecnica, creando molte più occasioni degli avversari centroamericani, ma per circa mezz'ora non riescono a violarne la porta, anche per merito della ordinata difesa honduregna. Al 34' Jean Beausejour, haitiano naturalizzato cileno, riesce finalmente a trovare la via del gol, con un tocco in anticipo sotto porta. Nella ripresa il registro dell'incontro non cambia ed alla fine nemmeno il risultato cambierà. Il Cile si impone 1-0 e guadagna i primi 3 punti del girone.

Nella gara di metà pomeriggio si consuma invece la prima grande sorpresa di questo mondiale. Al Moses Mabhida Stadium di Durban, la Spagna crea molte occasioni ma, pur dominando l'incontro, non riesce mai a trovare la via del gol e viene punita in contropiede da una Svizzera tatticamente perfetta. Il gol che decide la gara arriva al 52' minuto e viene messo a segno dal capoverdiano di origine Gelson Fernandes, abile e rapido nel risolvere un'azione confusa in area di rigore; Iker Casillas ferma con impeto, quasi ai limiti del fallo da rigore, l'avanzata di Eren Derdiyok, che riesce comunque durante la caduta a servire Fernandes, colpendo peraltro, involontariamente, Gerard Piqué. Fernandes, in sospetto fuorigioco al momento del passaggio di Derdiyok, nella confusione, è il più veloce e segna a porta ormai sguarnita.

La Spagna non riesce a segnare il gol del pari ed anche un pizzico di sfortuna la punisce, quando Xabi Alonso scarica un potente tiro da fuori area che si stampa sulla traversa a portiere battuto. Negli ultimi minuti la Svizzera va addirittura vicina al raddoppio, con Derdiyok, che si produce in una serie di dribbling, supera con un colpo preciso anche Casillas, ma colpisce il palo. Festa grande per gli elvetici a fine incontro; per la Svizzera si tratta della prima vittoria in assoluto contro la Spagna.

GIRONE A - In serata, con la gara tra Sudafrica ed Uruguay, al Loftus Versfeld Stadium di Pretoria inizia la seconda tornata di partite del primo turno. Dopo un inizio piuttosto equilibrato, senza grosse opportunità da ambo le parti, al 24' minuto l'Uruguay trova, con un buon aiuto da parte della buona sorte, il gol del vantaggio: su tiro dalla distanza da parte di Diego Forlán, il pallone sbatte sulla schiena di Aaron Mokoena prendendo una traiettoria beffarda per il portiere Khune.

I padroni di casa sembrano irriconoscibili, senza idee, e non creano alcun problema alla retroguardia sudamericana; l'eroe del primo incontro Siphiwe Tsabalala cerca la conclusione ogniqualvolta si trovi vicino all'area avversaria, ma non centra mai la porta ed ignora anche i compagni meglio piazzati. Nella ripresa l'Uruguay affonda il colpo altre due volte: all'80' l'arbitro assegna un calcio di rigore piuttosto generoso alla Celeste (in divisa bianca per l'occasione) per atterramento di Luis Suárez ed espelle il portiere Khune. Forlán trasforma. A tempo ampiamente scaduto, Álvaro Pereira rincara la dose, segnando il terzo gol, che tarpa definitivamente le ali del sogno sudafricano. Con il 3-0 ottenuto, l'Uruguay si proietta in vetta al girone in attesa di Francia-Messico, mentre il Sudafrica ha ormai un piede fuori dalla competizione.

Tabellino di Sudafrica-Uruguay

16 giugno 2010
ore 20:30
Sudafrica 0 – 3 Uruguay Loftus Versfeld Stadium, Pretoria
Spettatori: 42 658
Arbitro: Massimo Busacca (Svizzera)[1]
Referto Forlán Segnato dopo 24 minuti 24', Segnato dopo 80 minuti 80' (rig.)
Á. Pereira Segnato dopo 90+5 minuti 90+5'


Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Sudafrica
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Uruguay

Sudafrica:
PT 16 Itumeleng Khune 76'
TD 2 Siboniso Gaxa
DC 4 Aaron Mokoena (c)
DC 20 Bongani Khumalo
TS 3 Tsepo Masilela
CD 8 Siphiwe Tshabalala
CC 13 Kagisho Dikgacoi 42'
CC 12 Reneilwe Letsholonyane 57'
CS 11 Teko Modise
CO 10 Steven Pienaar 6' 79'
A 9 Katlego Mphela
Sostituzioni:
CC 19 Surprise Moriri 57'
PT 1 Moeneeb Josephs 79'
Commissario tecnico:
Carlos Alberto Parreira

Uruguay:
PT 1 Fernando Muslera
TD 16 Maxi Pereira
DC 2 Diego Lugano (c)
DC 3 Diego Godín
TS 4 Jorge Fucile 71'
CC 15 Diego Pérez 90'
CC 17 Egidio Arévalo
CS 11 Álvaro Pereira
A 10 Diego Forlán
A 9 Luis Suárez
A 7 Edinson Cavani 89'
Sostituzioni:
CS 20 Álvaro Fernández 71'
A 21 Sebastián Fernández 89'
CC 5 Walter Gargano 90'
Commissario tecnico:
Óscar Tabárez

Man of the Match:
Diego Forlán (Uruguay)

Guardalinee:
Matthias Arnet (Svizzera)[1]
Francesco Buragina (Svizzera)[1]
Quarto uomo:
Wolfgang Stark (Germania)[1]
Quinto uomo:
Jan-Hendrik Salver (Germania)[1]

Classifiche

Alla fine della prima giornata, la situazione di classifica nel Gruppo H è la seguente:

Squadra P.ti G V P S GF GS DR
Svizzera 3 1 1 0 0 1 0 1
Cile 3 1 1 0 0 1 0 1
Spagna 0 1 0 0 1 0 1 -1
Honduras 0 1 0 0 1 0 1 -1

Dopo il primo incontro della seconda giornata, la classifica nel Gruppo A è questa:

Squadra P.ti G V P S GF GS DR
Uruguay 4 2 1 1 0 3 0 3
Messico 1 1 0 1 0 1 1 0
Francia 1 1 0 1 0 0 0 0
Sudafrica 1 2 0 1 1 1 4 -3

Note

  1. 1,0 1,1 1,2 1,3 1,4 [EN] «Referee designations for matches 17-24». FIFA.com, 14-06-2010. URL consultato in data 19 giugno 2010.

Fonti