Calcio, Palermo: avvenuta la cessione societaria alla Arkus Network

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

Palermo, venerdì 3 maggio 2019

Nuovi aggiornamenti in merito alla questione societaria del Palermo.

Dopo le vicissitudini che hanno dapprima riguardato gli inglesi dello Sport Capital Group e il successivo acquisto delle quote azionarie di Rino Foschi e Daniela De Angeli, il 3 maggio è stata sancita la cessione dell'intero pacchetto azionario alla società Sporting Network Srl, che fa capo alla Arkus Network.[1]

La Sporting Network è una società "veicolo" che è stata istituita per l'occasione, di proprietà principalmente della Arkus Network, come detto, e di altre due società, Amandatour Spa e High Share Holding Spa.[2]

I rappresentanti delle società si sono dati appuntamento alle 11.20 presso lo studio notarile dell'avv. Fabio Gattuso. Fra essi figuravano: la proprietaria delle quote Daniela De Angeli, Walter, Salvatore e Vittoria Tuttolomondo della Arkus Network, Fabrizio Lucchesi che sarà il prossimo Direttore Generale, Stefano Pistilli che tramite la Gepro Investments Partners Limited detiene l'89,59% delle quote della Arkus Network, il banchiere palermitano Vincenzo Macaione che ha svolto il ruolo di advisor nell'operazione e gli avvocati Francesco Pantaleone e Francesca Trinchera rappresentanti del Palermo. Le firme sono arrivate alle 12.15 circa. Il presidente designato è il Presidente di Sicindustria Alessandro Albanese,[3] ma ogni chiarimento in relazione al nuovo organigramma societario verrà rivelato nella conferenza stampa indetta per mercoledì 8 maggio 2019 alle ore 12.00 presso il Mondello Palace Hotel di Palermo.

Note[modifica]

  1. «Comunicato della Società», palermocalcio.it. URL consultato in data 3 maggio 2019.
  2. «Repubblica – “Palermo, altre due società insieme ad Arkus Network”», stadionews.it. URL consultato in data 3 maggio 2019.
  3. «Ore 12.15, ci sono le firme. Il Palermo ceduto ad Arkus Network», stadionews.it. URL consultato in data 3 maggio 2019.