Caso Regeni, sospesi i rapporti della Camera con il Parlamento egiziano

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

Roma, giovedì 29 novembre 2018

Evento di commemorazione di Giulio Regeni

Roberto Fico, il presidente della Camera dei Deputati, ha ufficialmente annunciato in un'intervista al TG1, "che la Camera sospenderà ogni tipo di relazione diplomatica con il Parlamento egiziano fino a quando non ci sarà una svolta vera nelle indagini e un processo che sia risolutivo".

La decisione, presa unicamente dal presidente 5S Fico, arriva subito dopo l'ennesimo vertice tra le autorità italiane ed egiziane avvenuto ieri, al quale si è aggiunto la dichiarazione della Procura di Roma, che ha iscritto nel registro degli indagati sette agenti dei servizi di sicurezza egiziani coinvolti nell'omicidio di Giulio. Secondo gli investigatori, i sette agenti del National Security egiziano avrebbero pedinato e controllato Giulio Regeni fino ad almeno il 25 gennaio, giorno della sua scomparsa, oltre ad aver messo in atto un depistaggio nei confronti delle autorità italiane. Gli investigatori del ROS e dello SCO, dopo aver analizzato i tabulati telefonici dei sospettati, tra i quali il maggiore Magdi Abdlaal Sharif e il capitano Osan Hemly, hanno reso noti i risultati alle autorità egiziane con un'informativa nel dicembre 2017. Condivisa da tutti i capigruppo di Montecitorio la posizione del presidente Fico, che giudica l'azione della Procura "un atto dovuto", di fronte all'immobilismo delle autorità egiziane.

Decisione forte quella del presidente della Camera, intenzionato ad arrivare ad un punto di svolta sul caso Regeni senza però arrivare ad una rottura definitiva con Il Cairo, come avvenuto nel 2016 con il ritiro dell'ambasciatore. Dal G20 di Buenos Aires il premier Giuseppe Conte dichiara di "non conoscere le ragioni della scelta", sottolineando però che al vertice di Palermo dei giorni scorsi, al presidente egiziano Sisi è stata certamente ribadita "la necessità di giungere all'accertamento della verità". Sul caso Regeni è intervenuto anche il vicepremier Matteo Salvini, sostenendo che il governo con tutti i suoi esponenti di maggioranza e opposizione, stanno facendo il massimo.

Fonti[modifica]