Centinaia di morti a Baghdad, schiacciati dalla folla in fuga

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

Baghdad, 31 agosto 2005

È stato la più grande tragedia accaduta in Iraq nel dopo Saddam: 965 morti e 465 feriti. È successo oggi 31 agosto 2005 fuori dalla moschea di Khadmiya a Baghdad, dove le vittime sono state schiacciate in mezzo alla folla che cercava di fuggire, al ritorno dalla celebrazione per la ricorrenza della morte di Musa Al-Kadhim, ottavo dei 12 imam sciiti.

In particolare il maggior numero delle morti sembra si siano verificate sul ponte sul fiume Tigri dove la gente, accalcandosi, è caduta nel fiume con un salto di oltre 10 metri.

Sembrerebbe che all'origine della massiccia fuga della folla si fosse sparsa la notizia della presenza di un attentatore suicida. Attualmente questa versione non è confermata, tanto meno si hanno notizie sulla reale presenza dell'attentatore.

Bisogna tenere presente che prima della cerimonia erano stati esplosi dei colpi di mortaio sulla folla uccidendo almeno 16 persone.

Fonti

Wikinews
Questo articolo, o parte di esso, deriva da una traduzione di Several hundred killed after stampede in Baghdad, pubblicato su Wikinews in inglese.