Cile: le magliette autografate di Villa ai parenti dei minatori intrappolati

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

venerdì 10 settembre 2010

David Villa Sánchez milita nel Barça da questa stagione. Il padre e il nonno, come i lavoratori cileni intrappolati a 700 metri di profondità, erano minatori.

Il calciatore spagnolo campione del mondo David Villa Sánchez ha inviato alle famiglie dei trentatré minatori intrappolati in una miniera del Cile a seguito di un incidente due maglie autografate del Futbol Club Barcelona con la scritta Ánimo mineros (Forza minatori) al posto del classico nome del calciatore.

Il gesto, con il quale Villa ribadisce la sua vicinanza ai lavoratori cileni, anche in virtù del fatto che i suoi parenti più prossimi hanno lavorato come minatori, è stato particolarmente apprezzato dai familiari dei mineros sudamericani.

Per Carolina Lobos, figlia di quel Franklin che in gioventù aveva militato nella nazionale cilena di calcio, «È molto bello che la Spagna ci mandi una maglia o altro, sostenendoci e incoraggiandoci in questa situazione difficile. Ogni gesto, che sia una maglia, un saluto o un’altra cosa, dà loro la forza di andare avanti ed è un conforto anche per le famiglie».

Nel frattempo, la prima macchina escavatrice che dovrà scavare un tunnel necessario per il recupero dei lavoratori ha perforato il 24% circa del percorso complessivo necessario (171 metri su 700), mentre la seconda è stata bloccata da un tunnel. Le operazioni di soccorso, secondo stime simili alle prime ipotizzate, potrebbero concludersi nel giro di 2-3 mesi.

Fonti