Discussione:Cagliari: 26 giorni in carcere da innocenti, due giovani assolti dall'accusa di violenza sessuale/Commenti

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

← Ritorna all'articolo

Commenti

Questo è lo spazio per i commenti alla notizia. Se vuoi far presente un problema all'articolo in sé, come, ad esempio, un errore, devi usare la pagina di discussione relativa. I commenti presenti in questa pagina non devono essere conformi al punto di vista neutrale, ma, in ogni caso, devi rimanere in argomento ed evitare insulti, parolacce e altre parole che possono riscaldare gli animi. Sii comprensivo e gentile. Una discussione civile e un dibattito educato rende le pagine di commento un luogo amichevole. Pensa, prima di inserire il tuo commento.
Ricorda di firmare i commenti usando 4 tildi (~~~~), che verranno automaticamente sostituite col tuo nome utente e la data corrente.

Clicca qui per aggiungere un nuovo commento · Aggiungi il tuo commento a uno già esistente

Quindi, per i casi di violenza sessuale si è colpevoli fino a prova contraria e basta la testimonianza di una sola donna per essere condannati? --193.205.213.166 10:40, 1 giu 2011 (CEST)

Certo, la legge 66 del 1996 sancisce esplicitamente l'inversione dell'onere della prova: cioè, se tu fai sesso con una donna, devi essere in grado di dimostrare che quel rapporto è stato consenziente, altrimenti ti fai 15 anni. --79.56.203.169 14:11, 1 giu 2011 (CEST)
Veramente: « Davide e Samuel per questo sono stati assolti per non aver commesso il fatto, come richiesto dallo stesso pubblico ministero. ». E non credo si tratti di inversione dell'onere della prova, la fattispecie di reato è tale che il procedimento non può che originarsi per denuncia di una parte, è poi matematico che, salvo i casi di palese inconsistenza dell'accusa, l'accusato si trovi nella condizione di doversi difendere. -- Codicorumus  « msg 20:35, 1 giu 2011 (CEST)
Si, sono stati assolti perchè sono stati in grado di dimostrare la propria innocenza. E questo è proprio inversione dell'onere della prova. Del resto, se un accusato si deve difendere da un'accusa in cui la parola dell'accusante conta più della sua, si tratta proprio di presunzione di colpevolezza: cioè, io donna ti accuso, tu diventi colpevole, vai in carcere e ci rimani finchè non riesci a dimostrare che io donna sono una bugiarda. --79.44.12.82 15:09, 2 giu 2011 (CEST)