Discussione:Somalia: Aisha aveva solo 13 anni/Commenti

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

← Ritorna all'articolo

Commenti

Questo è lo spazio per i commenti alla notizia. Se vuoi far presente un problema all'articolo in sé, come, ad esempio, un errore, devi usare la pagina di discussione relativa. I commenti presenti in questa pagina non devono essere conformi al punto di vista neutrale, ma, in ogni caso, devi rimanere in argomento ed evitare insulti, parolacce e altre parole che possono riscaldare gli animi. Sii comprensivo e gentile. Una discussione civile e un dibattito educato rende le pagine di commento un luogo amichevole. Pensa, prima di inserire il tuo commento.
Ricorda di firmare i commenti usando 4 tildi (~~~~), che verranno automaticamente sostituite col tuo nome utente e la data corrente.

Clicca qui per aggiungere un nuovo commento · Aggiungi il tuo commento a uno già esistente

Ad una persona dotata di un minimo di buon senso penso sia impossibile commentare una azione di una tale crudeltà,penso che la cattiveria umana abbia tanti modi per evidenziarsi ma quello di esercitarla su donne e bambini sia di gran lunga uno dei peggiori.

Scusate, ma mi viene solo; GRAN FIGLI DI PUTTANA!!!

Chi è senza peccato scagli le pietre[modifica]

Alla coscienza dell' etica e della legalità dei diritti umani del mondo occidentale questa notizia fa raccapriccio. E noi, giustamente, ci indigniamo e condanniamo un tale atto di barbarie umana, per quanto lontano esso sia stato consumato dai nostri confini geografici e culturali. Però, noi non possiamo e non dobbiamo nasconderci dietro la nostra indignata ipocrisia, dietro l' alterezza insana della nostra civiltà. C' è proprio bisogno di ricordare i fatti della nostra barbarie? Non credo, ognuno che abbia un poco di onestà intellettuale e morale può fare un lungo elenco, e metterci dentro la sparatoria contro i ragazzini a Secondigliano, la sparizione ricorrente dei bambini, la speculazione finanziaria che mette sul lastrico migliaia di famiglie, ecc. ecc. Indigniamoci per la lapidazione della tredicenne somala, e indigniamoci di più per la barbarie nostrana, che negli ultimi tempi è diventata insopportabile.

I mali nel mondo sono talmente tanti che arriviamo anche a farne una cernita. Critichiamo chi non guarda l'altro male vicino casa, chi guarda dalla finiestra ma non dentro casa, chi fugge dal suo male mostrando quello degli altri. In questo modo però rischiamo di non guardare nè l'uno nè l'altro. Il male e' male e tutti i mali vanno guardati con la stessa misura, ma non solo guardati.--87.3.141.190 12:21, 3 nov 2008 (CET)Reply[rispondi]

Interventi umanitari[modifica]

E' stato un errore "scappare" dalla Somalia e far fallire l'operazione "Restor Hope" promossa/avviata da Bill Clinton nel 1992; anche se è mancata una regola d'ingaggio unica (solo i Francesi iniziarono la missione cominciando a togliere le armi ai gruppi armati). Le missioni di Peace Keeping dell'ONU in questo contesto di guerra/gueriglia permanente non servono. O ci si "accontenta" del male minore; cioè che il "lavoro" lo faccia un vicino, come l'Etiopia, con tutte le mancanze dovute alla scarsa disponibilità di uomini e mezzi. Altrimenti si definiscano a livello internazionale obiettivi e si mettano a disposizione i mezzi (risorse, uomini, armi, tecnologie, soldi, strategie...) coerenti con gli obiettivi; mettendo già nel conto perdite umane sia relative al corpo di spedizione, sia come perdite collaterali di civili. Tutte le altre cose sono auspici o prediche che non modificheranno le cose.

che schifo! che grande amarezza e tristezza! —13:09, 3 nov 2008 (CET)

Errore di base[modifica]

Secondo me non considerate una cosa di base: non potete valutare questo evento con i parametri occidentali. La storia è avvenuta in un paese che, per quanto ricordo, ha dei parametri molto diversi dai nostri, e non mi stupirebbe se nel loro "codice penale" sia prevista la lapidazione per l'adulterio.. Anzi, personalmente, preferisco che le leggi che esistono vengano rispettate anche se molto severe, rispetto a un paese (ie Italia) che ha tante leggi e la maggior parte non viene rispettata. Per il fatto che sia una 13enne o 23enne... imho non influisce molto sul fatto. Fale (talk) 16:50, 3 nov 2008 (CET)Reply[rispondi]

Risposta poco confortante.Beh! Ognuno la pensa come vuole,ma data da un giovane lascia molto riflettere.--82.49.212.110 17:51, 3 nov 2008 (CET)Reply[rispondi]

cosa intendi? Fale (talk) 21:48, 3 nov 2008 (CET)Reply[rispondi]
Il fatto che una legge ci sia, non vuol dire che sia giusta. Il fatto che dei beduini accusino (abbiano accusato...) una bambina di essere una ninfomane, a mio avviso puzza di bruciato. Piuttosto io lapiderei quello schifoso che s'è sposato la tredicenne. Lord Hidelan 22:05, 3 nov 2008 (CET)Reply[rispondi]

Probabilmente ti sbagli,anche in India si sposavano o si sposano ancora intorno ai 13 anni vedi Mahatma Gandhi... @ Fale,intendevo che il guardare troppo la legge come cosa perfetta fa male..E questo e' dimostrato storicamente, vedi seconda guerra mondiale..Quanti giovani appoggiavano le leggi di stato e volevano uno stato perfetto?..Abbiamo visto quel che e' successo..Per cui l'uomo deve avere una certa elasticita' mentale non guardando solo da una parte..--82.51.86.129 22:37, 3 nov 2008 (CET)Reply[rispondi]

@Fale...Vedi Fale,si e' saputo che la ragazza non era colpevole..Se tutti avessero pensato come te sarebbe stata colpevolizzata ingiustamente..Caro Fale cerca di vedere le cose per quel che sono e non per quel che vorresti che fossero...--87.21.2.118 08:59, 5 nov 2008 (CET)Reply[rispondi]

che schifo[modifica]

odio queste mentalità schifose....

Purtroppo queste mentalità nascono da una insicurezza interiore e per questo l'uomo chiede,anzi direi pretende, che la legge crei una sua sicurezza sociale..E neanche loro non dovrebbero essere colpevolizzati,ma capiti, poiche' il colpevolizzare crea l'effetto opposto..Non fa prendere coscienza realmente dell'errore commesso,creando reazioni che fanno da opposizione alla critica ricevuta.L'uomo solo prendendo coscienza degli errori puo' difendersi da questi slanci inconsci..--80.182.87.24 16:59, 6 nov 2008 (CET)Reply[rispondi]


C'é molto di più..[modifica]

Io non capisco, giuro non capisco. OK, episodio schifosissimo nel XXI secolo (della ns 'era'), fa orrore vedere la recludescenza di quanto sta avvenendo: chi si ricorda di qualche decennio fa, quando poteva benissimo succedere che nel Pakistan c'era un presidente donna, e che in Afghanistan e Iran le donne erano emancipate quanto da noi in Occidente? Oramai la 'marea' ha ricoperto tutto. Ma quando Amnesty ha denunciato le atrocità delle truppe etiopiche che hanno attaccato la Somalia delle coorti islamiche, causando danni a persone e cose di cui la Somalia non sentiva certo la mancanza, come mai nessuno ha detto pio? Non era anche peggio della guerra in Georgia? Eppure nessuno ha trovato da ridire, mi pare. O no?

Io vorrei sapere per esempio: quando gli Etiopi occupanti hanno violentato una ragazza di 17 anni e poi hanno accecato con una baionetta due fratellini che hanno cercato di difenderla, la comunità internazionale dov'era? Dormiva? Perché cose del genere non sono state dette, urlate e condannate? Perché l'Etiopia ha invaso la Somalia con l'appoggio (a suon di bombe, anche) degli USA. Piacerà o meno, ma è così. Quei due ragazzini accecati, la sorella violentata, non l'hanno fatto gli islamici ma i 'cristiani' Etiopi. E non è che un esempio.

Le truppe etiopiche in Somalia ci sono giunte a fine del 2006, col beneplacito Usa, per soccorrere il debole governo e aiutarlo a cacciare le corti islamiche che controllavano buona parte del paese. Una 'Restore Hope' all'africana. Pensavano ad una guerra-lampo, ma sono ancora lì, impantanate e la loro violenza sta consegnando la popolazione, che li odia, agli insorti islamici che colpiscono con sempre maggiore violenza, e sempre più coperti dalla gente, stanca dei soprusi. Di lì, a catena, rappresaglie senza fine e sempre più spaventose in quel che resta di Mogadiscio, dove lo scorso anno sono stati uccisi almeno 6.000 civili, oltre 10.000 feriti e più di 600.000 profughi.

Ora mi si dica in concreto: chi ha la soluzione in tasca per risolvere la 'questione Somala'? Non ci si riesce nemmeno in Afghanistan, non è facile capire se e quanto in Irak. 'Restore Hope' non doveva fallire. Ma non è solo con le bombe che si risolvono queste cose; in compenso i mass-media fanno il polverone tutte le volte che il 'Mohammed' di turno ha fatto qualche porcheria. Già che ci siamo, la 'Repubblica Islamica di Libia' dovrebbe rispondere o no dello sfruttamento e delle uccisioni nei suoi campi di prigionia e 'CPT' tipo Kufrah? No, e allora di che ci si scandalizza? Questo non è il relativizzarsi delle leggi o delle età, ma delle convenienze. Per esempio, quando qualche parente di questa disgraziata si salva dalla guerra, si salva dai CPT libici, cerca di andare in Europa. Lo ritroviamo dentro una rete dei pescatori. O sopra una gabbia per tonni, se è stato bravo a galleggiare. Non accade per caso. Ci possiamo indignare per Aisha, ma perché non fa notizia tutto il resto? Perché non conviene?--Stefanomencarelli (talk) 19:02, 6 nov 2008 (CET)Reply[rispondi]

Secondo me ha ragione stefanomencarelli: noi occidente evoluto non abbiamo armi sufficienti a sconfiggere tutti i terroristi. Dobbiamo costruire più armi e poi bombardare a random, partendo da San Marino ;-).
Comunque aggiorno la discussione a questo articolo: Somalia: Aisha non era colpevole Lord Hidelan 19:28, 6 nov 2008 (CET)Reply[rispondi]

Non capisco, lo sappiamo tutti che c'e' molto di piu',ma qui quello che leggiamo e' questo e su quanto letto si fanno le considerazioni...Allora scrivete di piu' e la gente vedra' di piu'.


Io una cosa l'avevo fatta. L'hanno considerata 'faziosa' e l'hanno cancellata. 10 kb buttati nel WC, in cui si raccontava di Kufra, i CPT, le guerre civili: gli sfruttatori che tanto stanno facendo per mettere in cortocircuito due continenti possono dormire sonni tranquilli. Le 'coperte' ce l'hanno.--Stefanomencarelli (talk) 15:46, 7 nov 2008 (CET)Reply[rispondi]

E allora fanne altre piu' brevi così eviti di lavorare molto se sara' considerata faziosa.. Guarda quella di Aisha :l'informazione e' breve ed ha prodotto lo stesso una reazione. Quella di Aisha perche' non l'hanno cancellata? Probabilmente riportava solo il fatto senza metterci un qualcosa di piu' non verificabile...Se l'informazione crea il commento,sia pure breve, vuol dire che funziona non ti pare?


No. Questo non è fare informazione, non è dire 'cosa succede in Africa'; queste notizie sono solo (trucolento) gossip, come dire dei delitti di Cogne, Garlasco, Perugia pensando di parlare di Cogne, Garlasco e Perugia. Si parla di: musulmani, sesso e sharia? E allora la notizia vien fuori. Dimmi tu: quando arrivano gli immigrati a Lampedusa i nostri mass-media cosa ci dicono? Dove sbarcano, quanti vivi, quanti morti. Fine del discorso. Io mi batto per gli approfondimenti che sono non importanti, ma essenziali per capire cosa c'é 'là fuori'. Questi approfondimenti non sono graditi. Basta il cartellino POV e la notizia viene tolta dalle pubblicate. Quando ho scritto un articolo sulla guerra in Georgia, ho dovuto discutere per settimane e sono stato bloccato per 'insulti' dopo una discussione esasperante in cui oltretutto ero supportato dalla maggior parte degli interventi.
Ripeto la questione: è orribile quello che è successo a questa ragazza. Ma se questo è il problema che subliminalmente si solleva (Islam=male) allora cosa si deve dire dei cristianissimi Etiopi che hanno accecato a baionettate quei ragazzini? Quando ieri gli Americani hanno bombardato un altro matrimonio in Afghanistan uccidendo dozzine di persone nessuno ha detto pio. E io considero incredibile che il sangue sia così relativizzabile nel panorama dell'informazione. E' questo retrogusto di razzismo culturale che non accetto.--Stefanomencarelli (talk) 16:33, 7 nov 2008 (CET)Reply[rispondi]
Avremmo gradito più un articolo sull'attacco usa in Afgh, che un piagnisteo. Dai stefano, cerca di non farti sempre male da solo. Lord Hidelan 16:46, 7 nov 2008 (CET)Reply[rispondi]