Documentario su Chiesa e pedofilia della Bbc: Annozero vorrebbe mandarlo in onda in Italia

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

domenica 20 maggio 2007
Si chiama Sex crimes and Vatican (in italiano "Crimini sessuali e Vaticano") ed è il documentario di 39 minuti trasmesso nel Regno Unito ad ottobre 2006 dalla BBC, la tv pubblica britannica.

Il documentario

Il filmato, che ha lo stile simile a quelli di Michael Moore, è condotto da Colm O'Gorman, vittima da adolescente delle violenze di un sacerdote irlandese. Il tema del documentario è la pedofilia violenta di alcuni preti in Irlanda, negli Usa e in Brasile.

Nel filmato si analizza anche la vicenda di padre O'Grady, che confessò di aver abusato sessualmente di trenta bambini e bambine.

Al centro del video c'è la Crimen sollicitationis, un documento del Vaticano emesso nel 1962, con il quale - secondo la Bbc - si «obbligavano le persone coinvolte in scandali sessuali a non rendere pubblica la vicenda, pena la scomunica». Nel documentario è accusato anche Joseph Ratzinger, all'epoca prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, che «impose per 20 anni l'applicazione del documento».

La messa in onda in Italia

Michele Santoro vuole acquistare il filmato per trasmetterlo durante AnnoZero, ma per adesso la Rai non lo ha autorizzato, e sembra che nessuno voglia prendersi la responsabilità di mandarlo in onda.

Il documentario è comunque già disponibile, sottotitolato in lingua italiana, e messo sulla rete da "Bispensiero", il portale siciliano degli amici di Beppe Grillo. Il video è adesso disponibile su Google Video, e sarebbe il filmato più visto dagli utenti in questi giorni.

Le reazioni di Avvenire

Wikipedia

Wikipedia ha una voce su Crimen sollicitationis.

Wikipedia

Wikipedia ha una voce su Sex crimes and the Vatican.

Il quotidiano cattolico Avvenire ha definito il documentario «roba da bidone della spazzatura», affermando che la Crimen sollicitationis è in realtà una forma di difesa degli abusati: bisogna «denunciare la vicenda direttamente al Vaticano» perché la Congregazione ha la competenza diretta nei casi di abuso sessuale che coinvolgono persone della Chiesa.

Fonti