Ebola, villaggio in quarantena nel nord del Congo

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

Repubblica del Congo, 21 maggio 2005

Non accenna a diminuire la gravità della situazione nella regione nord-occidentale del Congo, dove un focolaio di Ebola si sta diffondendo minacciando la popolazione locale.

A farne le spese è soprattutto il villaggio di Etoumbi, centro di almeno 3 focolai dal 2003, che è stato recentemente posto in quarantena. Niente può più uscire ora dalla zona: cibo e medicinali - secondo il direttore della World Heart Organization Congo, Amadou Yada - saranno spediti in città ogni venerdì. "Spero che questa sia la più corta epidemia nella zona del Cuvette Occidentale, anche perché le popolazioni locali hanno preso subito le precauzioni necessarie contro la malattia", ha aggiunto.

Secondo fonti delle forze dell'ordine, il focolaio d'infezione sarebbe nato in seguito ad una battuta di caccia degli abitanti del villaggio: questi sarebbero infatti ritornati portando con sé il corpo di uno scimpanzé morto per mangiarlo, prima di presentare i segni della malattia.

L'Ebola è altamente contagioso, e si diffonde attraverso il contatto con i fluidi corporei. Non è stata ancora trovata una cura efficace per evitare la morte o il diffondersi della malattia. Soltanto nel 2003, i decessi causati dall'Ebola sono stati oltre 120.

Fonti