Emergenza rifiuti in Campania: azienda compra plastica da riciclare

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto

domenica 25 marzo 2007

C’è una ditta in Campania, per la precisione la Erreplast, che si occupa del riciclaggio di bottiglie di plastica per produrre felpe, plaid, componenti edili, etc. Tuttavia in Campania la raccolta differenziata è quasi inesistente, e quindi la ditta in questione è costretta ad importare plastica da riciclare (quindi rifiuti) da Puglia, Toscana, Lazio e addirittura anche dall’estero.

Il problema si basa sulla quasi totale mancanza di riciclaggio nella regione e sulla cattiva gestione dei rifiuti che, anche se separati, vengono poi destinati a discariche uniche, e questo fa sì che la regione Campania sia in costante emergenza rifiuti perché non si sa dove metterli. Esiste addirittura un sito apposito: http://www.emergenzarifiuticampania.it

Inoltre, secondo lo studio annuale di Legambiente “Comuni Ricicloni” nella regione Campania la raccolta differenziata costituisce soltanto il 12,9%.

Fonti[modifica]

  • F.G. «Scoop: la Campania importa rifiuti»Venerdì di Repubblica, 16 marzo 2007, numero 991, pag. 25
  • «Comuni ricicloni - Campania 2006»Legambiente,

Collegamenti esterni[modifica]


Ricerca originale
Questo articolo (o parte di esso) si basa su informazioni frutto di ricerche o indagini condotte da parte di uno o più contributori della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.