Frana fa deragliare un treno in Val Venosta: morti e feriti tra i pendolari

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

lunedì 12 aprile 2010

Un treno simile a quello deragliato

È drammatico il bilancio del deragliamento di un treno regionale partito da Malles e diretto a Merano, avvenuto tra Laces e Castelbello, in Val Venosta: 9 morti, 2 dispersi e 27 feriti, di cui sette sono in gravi condizioni. L'incidente, avvenuto intorno alle 9 del mattino, è stato causato da una frana di 400 metri cubi, che ha investito il convoglio, facendo quasi precipitare un vagone nel greto del fiume sottostante.

Le nove vittime accertate, di età compresa tra i 18 anni e i 73 anni, sono tutte altoatesine. Si cercano ancora, tra i detriti di fango e le lamiere, due persone che mancano all'appello, mentre i feriti sono stati ricoverati nei vari ospedali della zona. Impressionanti le testimonianze dei soccorritori, che hanno parlato di feriti che venivano loro incontro tutti coperti di fango.

La frana che ha provocato la sciagura è stata causata dalla rottura di un impianto di irrigazione, che ha reso friabile il terreno. Ulteriori ragguagli potrebbe darli - anche se molto danneggiata - la scatola nera, recuperata dai tecnici delle ferrovie locali.

Nel pomeriggio sono stati diffusi i nomi delle nove vittime ufficialmente accertate, la maggior parte delle quali sono morte per soffocamento. La più giovane, una ragazza di 18 anni, si stava recando a Merano per sostenere un esame per la patente di guida. Tra le vittime, anche una neo-mamma che stava proprio andando in ospedale a trovare il suo bambino e uno studente universitario che si stava recando a Verona.

Cordoglio per la sciagura è stato espresso dalle massime cariche dello Stato. Sul luogo della sciagura si è recato anche il Ministro dei Trasporti Matteoli, che ha parlato di "casualità incredibile".

Nel frattempo, otto persone sono state iscritte nel registro degli indagati con l'ipotesi accusatoria di omicidio colposo plurimo, disastro ferroviario e procurata frana, mentre in tutto l'Alto Adige è stata proclamata una giornata di lutto per martedì 13 aprile.

Fonti