Gran Premio di Monaco 2005

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

22 maggio 2005
Nel primo Gran Premio di Monaco dopo la morte del Principe Ranieri III si evidenzia la ritrovata superiorità delle McLaren, con Kimi Räikkönen che di nuovo parte in pole-position e conduce la gara dall'inizio alla fine.

La gara è stata molto più combattuta di quello che solitamente si vede a Montecarlo, anche a causa dell'ingresso della safety car dopo circa un terzo della corsa, in seguito a un testacoda occorso alla Minardi di Christijan Albers che aveva generato un "ingorgo" nella stretta sede stradale non altrimenti risolvibile. In questa situazione di safety car alcuni piloti riescono a fare rifornimento e altri no, ma se a prima vista ciò sembra avvantaggiare Fernando Alonso nella rimonta su Räikkönen, in realtà il pilota della Renault patisce il traffico in pista mentre Räikkönen può ricostruire il vantaggio perduto e rifornire a sua volta senza perdere la posizione. Inoltre, l'eccesso di carburante a bordo della vettura di Alonso conduce a un'eccessiva usura dei pneumatici della Renault verso la fine della gara.

Della crisi di Alonso si avvantaggiano le Williams che conquistano il 2° e 3° posto, miglior risultato della stagione. La seconda McLaren di Juan Pablo Montoya è 5ª dopo essere partita dall'ultima posizione a causa di una punizione inferta al pilota, che aveva causato un incidente durante le prove libere.

Ordine d'arrivo[modifica]

  1. Kimi Räikkönen (McLaren-Mercedes)
  2. Nick Heidfeld (Williams-BMW)
  3. Mark Webber (Williams-BMW)
  4. Fernando Alonso (Renault)
  5. Juan Pablo Montoya (McLaren-Mercedes)
  6. Ralf Schumacher (Toyota)
  7. Michael Schumacher (Ferrari)
  8. Rubens Barrichello (Ferrari)

Fonti[modifica]