Questa pagina è protetta

Haiti: ucciso il presidente Jovenel Moïse, il Paese in stato d'assedio

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

mercoledì 7 luglio 2021

Jovenel Moïse

Il presidente di Haiti, Jovenel Moïse è stato assassinato nella sua abitazione da un commando armato di mercenari, alcuni dei quali parlavano spagnolo. L'annuncio è stato dato dal primo ministro uscente Claude Joseph, il quale ha assunto le redini del Paese ad interim. Joseph ha invitato la popolazione alla calma, assicurando che le forze di polizia manterranno l'ordine. Ferita anche la moglie del presidente, Martine Moïse, che verserebbe in gravi condizioni e sarebbe in procinto di essere trasferita in aereo all'estero. Alcuni residenti avevano riportato la presenza nella zona di uomini in tuta mimetica e di aver sentito degli spari, oltre che aver notato la presenza in zona di alcuni droni. A seguito dei gravi avvenimenti, Claude Joseph ha decretato lo stato d'assedio su tutto il territorio nazionale, con la conseguente chiusura dell'Aeroporto Internazionale Toussaint Louverture a Port-au-Prince.

Fonti