I Simpson censurati in Venezuela

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

venerdì 11 aprile 2008

La sede della emittente televisiva venezuelana Televen

I Simpson, popolare cartone animato di genere sitcom creato da Matt Groening, è stato ritenuto inadatto alle giovani generazioni, e censurato. Accade in Venezuela, dove la emittente Televen lo aveva inserito in programmazione nella fascia oraria delle 11 antimeridiane.

Per ora, al suo posto, i venezuelani possono vedere una serie dai contenuti molto differenti: Baywatch, altro prodotto della società a stelle e strisce, a cui non sono state rivolte le stesse accuse di perniciosità. Questa notizia ha reso noto come il presidente venezuelano Hugo Chavez non sia fra gli estimatori della serie animata, cosa che lo accomuna al presidente statunitense George W. Bush.

Detta censura ha avuto luogo per mezzo di una nota ufficiale del "Conatel" (Comisión Nacional de Telecomunicaciones) ingiungente alla Televen la sospensione del programma, con la seguente motivazione: «perché attenta contro la formazione integrale di bimbi, bimbe ed adolescenti». Per Televen la cosa non finisce qui, dal momento che la Conatel ha avviato un procedimento amministrativo, che può tradursi in una multa o in una sospensione delle trasmissioni fino a settantadue ore, per violazioni della legge sulla responsabilità sociale radio-televisiva (Ley de Responsabilidad Social).

Tutto ciò sembra avere avuto inizio a causa di proteste da parte dei genitori, tuttavia Germán Pérez, direttore della programmazione, afferma: "Noi di proteste sui Simpson non ne abbiamo mai ricevute. E poi i cartoni funzionavano benissimo". Secondo la 20th Century Fox, produttore della serie, questa è la prima censura che si abbatte sui Simpson

La situazione sulla libertà televisiva in Venezuela si conferma molto difficile. L'anno passato fu chiusa la Radio Caracas tv; la stessa Televen è stata inclusa, insieme a Globovisión e Venevisión (emittenti antigovernative), nella poco invidiata categoria dei "Cavalieri dell’Apocalisse".

Fonti