Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite approva la missione di pace dell'Unione Africana in Somalia

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

sabato 24 febbraio 2007

Mappa della Somalia.

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato l'impiego di una forza di pace dell'Unione Africana per un periodo di sei mesi.

I quindici membri del consiglio si sono riuniti martedì 20 febbraio e hanno approvato all'unanimità la risoluzione 1744, che permette ai membri dell'Unione Africana di portare avanti una missione in Somalia «...per supportare il dialogo e la riconciliazione in Somalia per la messa in sicurezza della regione e la protezione» di coloro che fanno parte del congresso per la riconciliazione nazionale, compreso il governo federale di transizione guidato da Ali Mohammed Ghedi.

Fra gli obiettivi della missione ci sono la creazione di «tutte le misure di sicurezza per l'arrivo di una missione umanitaria» e la mezza in sicurezza delle infrastrutture chiave. La missione è stata chiamata AMISOM, un acronimo che sta per "African Mission in Somalia."

L'iniziativa per la costituzione del congresso per la riconciliazione nazionale era stata annunciata dal presidente somalo Abdullahi Yusuf Ahmed durante un recente summit dell'Unione Africana. Nel testo della risoluzione, il Consiglio che il congresso ha bisogno di una base ampia, che rappresenti tutte le diversità della popolazione somala.

Mentre l'esatto numero dei soldati è ancora sconosciuto, fonti diplomatiche hanno parlato di circa 8 000 truppe che potrebbero essere inviate nella regione, metà della quali provenienti da Burundi, Ghana, Nigeria e Uganda. L'Uganda dovrebbe essere la prima a dispiegare le proprie truppe, per un totale di circa 1 500.

L'Etiopia non prenderà parte dell'AMISOM. L'intervento del Paese in Somalia lo scorso dicembre, a favore delle forze leali a Ghedi, aveva ricevuto molte critiche.

Il primo ministro etiope, Meles Zenawi, che aveva recentemente annunciato il ritiro dell'esercito in Somalia, aveva ammesso che il Paese non vuole più prendere parte alla questione somala, e che la guerra è servita solo a proteggere l'Etiopia dall'Unione delle Corti Islamiche, che nello scorso dicembre controllavano gran parte del Paese, compresa la capitale Mogadisho.

Wikinews
Questo articolo, o parte di esso, deriva da una traduzione di UN Security Council approves African Union peace keepers for Somalia, pubblicato su Wikinews in inglese.

Per permettere la missione, il Consiglio ha alleggerito l'embargo militare attivo dal 1992, che avrebbe contribuito negli ultimi anni alla pace e alla sicurezza della Somalia. Gli Stati che forniscono armi e altri mezzi militari devono ancora informare il comitato per le sanzioni, ma il Consiglio intende considerare urgentemente i modi per rafforzare l'efficacia dell'embargo.

Insieme alla risoluzione, il Consiglio di Sicurezza ha chiesto al Segretario Generale Ban Ki-Moon «di inviare una missione di assistenza tecnica al quartier generale dell'Unione Africana e in Somalia il più presto possibile per una ricognizione sulla situazione politica e sulla sicurezza e per verificare la possibilità di una forza di peacekeeping che segua il dispiegamento delle forze dell'Unione Africana».