Il Giappone schiera pesci anti-terrorismo

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

26 luglio 2006

Il pesce del riso riesce a segnalare la futura contaminazione delle acque solo 3 ore prima: è questa la scoperta effettuata da alcuni scienziati giapponesi su questo piccolo esemplare animale.

La polizia ha subito preso l'iniziativa di servirsi dei pesciolini quale risorsa a servizio della sicurezza del Paese: il sistema di allarme anti-terrorista della prefettura di Shizuoka, nella capitale nipponica, infatti, ruota ora attorno alla figura del pesciolino, una specie simile a quello rosso, che in Giappone è normale tenere in casa.

Alcuni pesci rossi

In caso di un attacco terroristico basato sulla contaminazione delle acque, l'animale inizia a comportarsi in modo anomalo ed è considerato dalle autorità più affidabile di qualsiasi filtro.

Alcuni esperimenti preparatori erano stati effettuati dopo l'attentato dell'11 settembre 2001, per provare l'efficacia dei pesci del riso, quando ancora non era molto diffuso nelle case, ma era più conosciuto per le infestazioni che provocava alle risaie.

Fonti