Il premier Berlusconi ottimista: «Vicinissima la pace in Medio Oriente»

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

venerdì 11 luglio 2008

Abū Māzen

Quest'oggi il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha incontrato il leader dell'Autorità Nazionale Palestinese Abū Māzen a Palazzo Chigi. Durante la conferenza stampa il premier italiano ha affermato che un compromesso non è «mai stato così vicino, anche grazie alle qualità di Olmert e Abū Māzen». «Siamo pronti a fare ciò che il presidente palestinese Abu Mazen riterrà che possiamo fare assieme a lui, al governo israeliano, e contiamo, visto l'ottimismo espresso anche da Bush, di avere una soluzione definitiva in un periodo breve».

Il Cavaliere ha poi continuato: «Attraverso le nostre diplomazie abbiamo dato la nostra disponibilità a essere parte per aiutare il processo di pace: un problema che non è solo di Israele e dei palestinesi ma di tutti noi che abitiamo nel Mediterraneo».

Il Presidente del Consiglio della Repubblica italiana Silvio Berlusconi

L'auspicio del capo dell'ANP è che il Medio Oriente possa essere «un'area denuclearizzata». Secondo Abū Māzen il ruolo della diplomazia italiana è necessario per la pace in questa martoriata terra: «Sul piano politico l'Italia ha ottimi rapporti con Israele e con il popolo palestinese e per questo ha un ruolo estremamente importante nel processo di pace».

Berlusconi conclude sperando che sia questo sia «l'incontro dicendo questa sia la volta buona per arrivare ad un accordo di pace in Medio Oriente».

Fonti

Wikivoyage

Wikivoyage ha un articolo su Medio Oriente.