Iraq: ottimista Bush, «torna la speranza»

From Wikinotizie
Jump to navigation Jump to search

sabato 12 gennaio 2008

George W. Bush in Kuwait, lo scorso venerdì

Nonostante le pesanti critiche rivolte agli Stati Uniti d'America a causa della guerra in Iraq, il Presidente degli USA George W. Bush si è rivelato ottimista sulla situazione nel paese medio-orientale: ha dichiarato l'uomo politico americano in seguito ad un incontro col generale David Petraeus: «In Iraq sta tornando la speranza. La situazione è adesso molto diversa di quella che era un anno fa. Si tratta adesso di consolidare i progressi raggiunti e fare tutto il possibile perché il 2008 porti ulteriori progressi».

Ha inoltre affermato che ottenere la vittoria in Iraq è necessario per la stabilizzazione del medio-oriente e che Al Qaeda è stata «duramente colpita», ma è necessario «evitare di abbassare la guardia per non perdere i successi conquistati sul campo».

Il leader della Casa Bianca ha poi accusato Siria ed Iran di sostenere i terroristi: la Siria deve «ridurre ancora la sua flotta di terroristi» e l'Iran «cessare il suo sostegno alle milizie» di Al Qaeda.

Fonti