La Corte di Giustizia UE sentenzia che l'Italia dovrà recuperare le imposte non riscosse dagli immobili di associazioni religiose ed enti non profit

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

Lussemburgo, mercoledì 7 novembre 2018

La sede della Corte

La Corte di giustizia UE ha stabilito ieri che l'Italia ha il diritto di riscuotere l'ICI non pagata dagli edifici commerciali di proprietà di enti religiosi ed associazioni senza scopo di lucro e, pertanto, dovrà attivarsi per recuperare le somme riguardanti gli anni dal 2006 al 2011, periodo in cui è stata in vigore un'esenzione totale dal pagamento dell'imposta; questa sentenza ribalta le precedenti del 2012 (Commissione) e del 2016 (Tribunale), che invece stabilivano come le difficoltà organizzative impedissero il recupero delle somme non versate, cosa smentita dall'ultima sentenza, che le indica come mero affare interno che non può costituire un ostacolo tale da far emanare un blocco totale dei recuperi.

La sentenza nasce da un ricorso fatto dalla scuola elementare Montessori di Roma e da un B&B di San Cesareo contro la sentenza del 2012, attuato nel 2013 e sostenuto dai Radicali, che hanno dedicato la vittoria ottenuta a Marco Pannella; la sentenza ha stabilito che la scuola, essendo circondata da attività esentate dal pagamento, ha subito concorrenza sleale, ma ha comunque rigettato le contestazioni mosse sulle esenzioni dal pagamento dell'IMU, anch'esse oggetto di ricorso, in quanto considerate legittime.

I Radicali stabiliscono che possano essere recuperati tra i 13 ed i14 miliardi di euro se si procede a recuperare le somme non versate dal 1992 mentre l'ANCI ha stimato tra i 4 ed i 5 miliardi di euro la somma che andrà recuperata per il solo periodo oggetto della sentenza, anche se servirà un ordine della Commissione europea per far partire l'iter, che però sta studiando la sentenza prima di decidere il da farsi; se, ad ordine impartito, l'Italia non si attiverà per recuperare le somme, indipendentemente che alla fine vi riesca o meno, la Commissione potrebbe deferirla, portando ad una nuova sentenza della Corte, mentre se si attiverà sarà necessaria una legge apposita da emanare che stabilisca le modalità di riscossione, se possibile.

La CEI si è espressa a favore del pagamento delle tasse da parte delle attività commerciali ma precisa che diverse interpretazioni della sentenza possano portare alla compromissione di diversi servizi, alcuni anche di pubblica utilità ed esprime soddisfazione per la conferma delle esenzioni al pagamento dell'IMU, che sono solo a favore delle attività non commerciali.

Articoli correlati[modifica]

Fonti[modifica]