La Lega Nord si riunisce per la 18esima volta a Pontida

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

domenica 1 giugno 2008

L'emblema della Padania, il Sole delle Alpi

Sul «sacro prato» di Pontida, la Lega Nord festeggia i suoi 18 anni di attività politica. A partecipare all'annuale manifestazione circa 50 mila persone, secondo il ministro Roberto Calderoli.

Le strade provinciali sono state assalite dal popolo leghista per la manifestazione nella cittadina del bergamasco. Le note del Va pensiero e l'alzabandiera del vessillo della Padania, il Sole delle Alpi, hanno contrassegnato l'inizio della manifestazione. Il via ufficiale è stato dato da Calderoli e in seguito sono arrivati gli altri esponenti leghisti, tra i quali i ministri Maroni, Zaia e la parlamentare Rosy Mauro.

Continuano i discorsi delle personalità del Carroccio: di spicco quello del ministro della Semplificazione normativa, il quale ha detto che per le riforme «è stato dato il colpo di manovella». «Il federalismo fiscale nel 2008 verrà approvato perché è nella finanziaria». Roberto Calderoli ha affermato che «sulle riforme oggi si dicono tutti d'accordo, anche a sinistra, anche il presidente Napolitano ha detto una frase fondamentale: "Il federalismo fiscale è ineludibile". Il presidente Napolitano è stato comunista ma evidentemente più passa il tempo più migliora».

Dal palco ha parlato anche il segretario federale del partito, Umberto Bossi: «Stiamo realizzando il federalismo fiscale perché stiamo trattando, trattiamo con i ministri del governo ombra». Il ministro delle Riforme continua poi: «Perché bisogna trattare anche su una sola parola, bisogna trattare un pomeriggio intero, sennò finisce come con la devoluzione che poi ce la bocciarono».

Fonti