Mappe digitali: Nokia acquisisce Navteq

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

martedì 2 ottobre 2007

Nokia, l'industria finlandese produttrice di telefoni cellulari, ha negoziato l'acquisizione della Navteq, azienda di Chicago specializzata nello sviluppo di software GIS. Prezzo del takeover, 8,1 miliardi di dollari.

Nokia pagherà 78 dollari per ogni azione della Navteq, che impiega 3 000 persone e opera in 168 filiali in 20 Paesi. Nokia, dal canto suo, è il più grande produttore di cellulare del mondo. L'acquisizione sembra essere una risposta all'olandese TomTom, altro big dei GPS, che aveva acquistato in precedenza un'altra industria, la Tele Atlas, una delle più attive aziende nel campo delle mappe digitali. Tuttavia anche Nokia aveva invaso il campo della Tom Tom, lanciando in primavera il primo cellulare con navigatore incorporato.

Il prezzo è al momento superiore di soli tre centesimi rispetto alle quotazioni del mercato azionario, ma i prezzi sono saliti di recente a causa di rumors che già prevedevano che la società sarebbe stata presto acquisita. Tuttavia, dopo che l'accordo è stato reso pubblico, il prezzo delle azioni è sceso del 1,7%.

Wikinews
Questo articolo, o parte di esso, deriva da una traduzione di Nokia acquires Navteq, pubblicato su Wikinews in inglese.

“I servizi di localizzazione sono una delle pietre angolari della strategia Nokia per i servizi internet. Unendo le forze con Navteq, noi saremo pronti a portare le informazioni sui nostri servizi internet in minor tempo," ha detto Olli-Pekka Kallasvuo, amministratore delegato della Nokia in un comunicato.

L'operazione verrà finanziata in parte per contanti e in parte per debito. Il mercato, tuttavia, non ha ben reagito all'acquisizione: il titolo Nokia, che dall'inizio dell'anno ha guadagnato il 69%, ha chiuso ieri in calo dell'1,84%, mentre la capitalizzazione è scesa a 102 miliardi di euro.

Fonti