Mosca: duplice attentato suicida, strage nella metropolitana

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

lunedì 29 marzo 2010

La stazione del Parco della Cultura, colpita da una delle due esplosioni

Due esplosioni avvenute questa mattina nella Metropolitana di Mosca hanno provocato 38 morti e il ferimento di un centinaio di persone. La causa è un doppio attentato provocato dalla deflagrazione di cinture di tritolo quasi certamente indossate da due attentatrici kamikaze.

Le esplosioni, avvenute lungo la Linea Sokol'ničeskaja, la più antica del sistema suburbano, si sono verificate rispettivamente alle ore 7:52 locali nella stazione di Lubjanka e alle ore 8:38 locali nella stazione del Parco della Cultura. Un terzo ordigno è rimasto inesploso nella stazione di Prospekt Mira.

Le bombe hanno colpito nell'ora di punta, causando 23 morti a Lubjanka e una quindicina al Parco della Cultura. Le autorità ritengono coinvolti gruppi legati al terrorismo ceceno.

Le commemorazioni del giorno dopo

Fiori e candele ovunque in metropolitana. Il gigante slavo vive una giornata di lutto nazionale. Il presidente Dmitrij Anatol'evič Medvedev, i principali politici russi e l'ambasciatore americano hanno visitato in silenzio i luoghi della strage. Il bilancio ancora provvisorio è pesante: 39 morti, oltre 70 i feriti con 5 in fin di vita.

Il premier Vladimir Putin ha affermato che prendere i terroristi è una questione di onore per le forze dell'ordine federali. Il mondo politico studia possibili cambiamenti legislativi, compresa la reintroduzione della pena di morte.

La pista caucasica è quella maggiormente seguita dagli inquirenti. I terroristi erano ceceni o ingusci o daghestani. Il professor Enver Kisriev, esperto di Caucaso all'Accademia delle scienze, ritiene che la crisi socio-economica e la mancanza di dialogo tra queste regioni e Mosca favoriscano i gruppi terroristici.

Continuano le violenze

L'onda di terrore non accenna ad attenuarsi in Russia. Questa mattina alle 8,42 ora locale un kamikaze a bordo di un'auto si è fatto saltare in aria durante un controllo dei vigili urbani in una via principale della città daghestana di Kizliar al confine con la Cecenia. Dopo alcune decine di minuti un secondo suicida, infiltratosi tra i curiosi e gli specialisti dell'anti-terrorismo, ha azionato una bomba che aveva indosso. È stata una strage. Alle 13 ore di Mosca 12 sono i morti e 20-25 i feriti, alcuni dei quali in condizioni disperate.

Fonti