Petroliera rovescia in mare 1000 tonnellate di petrolio al largo delle Nicobare

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

lunedì 15 agosto 2006

Il luogo dell'incidente (mostrato dal punto rosso), 470 km a ovest dell'isola Grande Nicobare

Una petroliera giapponese ha rovesciato in mare mille tonnellate di petrolio greggio, nella parte orientale dell'Oceano Indiano, dopo essere entrato in collisione con una nave cargo.

Un comunicato rilasciato dalla Mitsui O.S.K. Lines, Ltd, proprietaria della petroliera denominata Bright Artemis, ha riferito che la petroliera stava cercando di salvare la ciurma del cargo registrato a Singapore, Amar, quando i due scafi sono venuti a contatto, a 470 km a ovest delle Isole Nicobare nell'Oceano Indiano, verso l'una di notte di lunedì (ora locale). La collisione ha aperto uno squarcio di un metro di altezza per un metro di lunghezza nello scafo della petroliera, che ha subito iniziato a perdere petrolio. Il comunicato riferisce che la fuoriuscita è stata contenuta, la ciurma del cargo Amar è stata tratta in salvo da un'altra barca e che non si riportano notizie di feriti.

La collisione è avvenuta a latitudine 5'46"N, longitudine 89'04"E, mentre il cargo Amar era in preda alle fiamme. Il comunicato aggiunge che il petrolio è stato trasferito dalla petroliera danneggiata ad un'altra.

La Bright Armetis era gestita da una ciurma di 23 persone, fra cui croati, filippini e un canadese, e trasportava circa 250 000 tonnellate di petrolio greggio del Golfo Persico verso il Giappone, secondo la compagnia.

Fonti

Vedi fonti elencate nell'articolo originale su en.wikinews.

Wikinews
Questo articolo, o parte di esso, deriva da una traduzione di Tanker spills 1000s of tonnes of crude oil off Nicobar Islands, pubblicato su Wikinews in inglese.