Pisogne: presentato il libro che ricostruisce l'abitato del 1299

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

sabato 7 febbraio 2009


Torre del Vescovo, Pisogne

Oggi, presso la straripante sala consigliare del comune di Pisogne, in Val Camonica è stato presentato il volume «In Loco de Pisoneis: Pisogne 1299: il borgo del Vescovo», realizzato dalla società Archimedia.

Lo studio effettuato ripropone in 125 pagine la ricostruzione dell'abitato che si affaccia sul Sebino partendo dall'estimo compilato nel 1299 da Cazoino dei Margotti, vicario del Vescovo di Brescia Berardo Maggi. Egli era stato inviato in Val Camonica per esigere le decime vescovili a seguito della grande ribellione camuna contro il comune di Brescia del 1287.

In base a queste precise informazioni gli architetti Alberto Bianchi e Francesco Macario hanno ricostruito con precisione la posizione delle abitazioni, delle torri cittadine, le antiche mura ed il fossato, il dongione e della piazza del mercato come apparivano nel XIII secolo.

A questo lavoro si è aggiunta la presentazione di un programma di elaborazione ed analisi topologica del Catasto Lombardo-Veneto, compilato a metà ottocento, effettuato anche con la collaborazione di Riccio Vangelisti.

Fonti[modifica]