Temù: museo della Grande Guerra contro il comune

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

venerdì 9 gennaio 2009

Val Camonica
Val Camonica
Comune di Temù, Val Camonica

Sembrava essere ieri il giorno decisivo per la polemica che infiamma in questi mesi l'abitato di Temù, in alta Val Camonica, opponendo l’associazione che gestisce il Museo della guerra bianca in Adamello e la stessa amministrazione comunale. Invece si preannuncia una dura battaglia legale.

Ieri mattina Agide Trapletti e Giuseppe Magrin, i due consulenti nominati dal comune di Temù per inventariare i reperti e l'origine degli stessi secondo l'ordinanza 33 del settembre 2008, hanno trovato chiuse le porte del museo. Il presidente del museo Walter Belotti non ha infatti acconsentito alla consegna delle chiavi alla controparte, e all'arrivo dei carabinieri ha fatto verbalizzare il suo netto rifiuto.

Il sindaco Corrado Tomasi: «A questo punto provvederemo a denunciarli per non aver ottemperato all’ordinanza. Assicuro comunque che lotteremo con ogni mezzo a nostra disposizione per evitare che la collezione venga trasferita a Colico, come hanno annunciato qualche tempo fa i vertici museali».

Articoli correlati[modifica]

Fonti[modifica]

Collegamenti esterni[modifica]