Venezuela: precipitato un aereo con diversi italiani a bordo

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

venerdì 4 gennaio 2008

L'isola de El Gran Roque con l'aeroporto da dove era diretto l'aereo
Un aereo simile a quello precipitato

Un aereo è precipitato in Venezuela, appena dopo il decollo, nei pressi dell'isola di Los Roques. Secondo fonti venezuelane, a bordo c'erano 8 cittadini provenienti dall'Italia. Il velivolo, di tipo turistico, trasportava in totale 16 persone, quando il pilota, per problemi tecnici, è stato costretto ad effettuare l'ammaraggio come manovra d'emergenza. Sono in corso le ricerche del relitto da parte della marina del Venezuela. Una fregata e due elicotteri della marina venezuelana stanno pattugliando la zona, anche se finora le ricerche non hanno avuto esito.

L'ammaraggio è avvenuto a un centinaio di chilometri dalla capitale dello stato sudamericano, Caracas, città dalla quale era partito l'aereo, diretto appunto verso l'arcipelago; in un primo momento si pensava che la traiettoria fosse inversa, dato questo rivelatosi inesatto. Il velivolo precipitato appartiene alla flotta della compagnia Transaven.

Nell'aereo precipitato, insieme agli otto cittadini di nazionalità italiana, vi sono (stando alla lista passeggeri fornita dalla compagnia aerea) anche una persona proveniente dagli Stati Uniti d'America, tre venezuelani, insieme al pilota e al copilota, delle quali nazionalità non si hanno ancora dati certi.

Il ministero degli esteri italiano ha confermato la notizia, parlando di otto dispersi, tra i quali due bambini. I dispersi sarebbero una famiglia trevigiana: Paolo Durante, quarantenne; sua moglie Bruna Guerrieri e le loro figlie Sofia e Emma di sei e otto anni, insieme ad altre due coppie di italiani tra cui Annalisa Montanari, 42 anni e Rita Calanni Rindina, 46, ambedue residenti a Bologna.

L'aereo (il volo YV2081), un Let L-410 Turbolet, di produzione ceca, ha percorso una distanza di circa 90 miglia (pari a poco più di 150 chilometri) per poi ammarare a causa di problemi tecnici ad entrambi i motori. L'aereo aveva oggi già percorso viaggi di andata e ritorno, ma nessuno aveva lamentato problemi ai motori. Durante quest'ultimo viaggio l'aereo ha viaggiato per 25 minuti prima di precipitare

La televisione nazionale Globovision, riferendo della notizia, ha precisato che l'aereo è ammarato a poco più di una decina di chilometri di distanza dall'isola dov'era previsto l'atterraggio, isola questa facente parte dell'arcipelago Los Roques, un gruppo di 50 isole di diversa grandezza, sulla più grande delle quali, l'unica abitata, appunto, si trova un aeroporto.

Articoli correlati

Fonti