Voti contestati: confermata la vittoria dell'Unione

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

14 aprile 2006

Bandiera italiana
Segui lo speciale Elezioni politiche italiane 2006 su Wikinews!

Le schede contestate sono solo 5.266. «È stato un errore materiale», ammette il Ministero degli Interni. «La direzione centrale per i servizi elettorali del Ministero dell'Interno conferma che il primo, provvisorio calcolo delle schede contestate è frutto di un errore materiale che, per alcune province, ha portato a sommare le schede contestate vere e proprie con le schede nulle o bianche». «Preso atto dell'errore - prosegue la nota del Viminale - e condotti gli ulteriori, scrupolosi accertamenti disposti dal ministro (accertamenti ora in via di conclusione), la medesima direzione centrale precisa che il numero delle schede contestate si riduce da 43.028 a 2.131, per la Camera dei deputati, e da 39.822 a 3.135, per il Senato della Repubblica». Peraltro, conclude la nota, «si tratta di dati ancora provvisori, in attesa delle definitive decisioni formali degli uffici centrali circoscrizionali e degli uffici elettorali regionali».

Silvio Berlusconi, pressato dalle domande dei giornalisti, non ha rilasciato dichiarazioni, ma si è rivolto ai suoi sostenitori che lo attendevano: «Auguri, andiamo avanti, resisteremo».

Silvio Sircana, portavoce di Romano Prodi, ha dichiarato: «Eravamo sicuri e tranquilli, non ci sorprende la nota del Viminale. Ora aspettiamo la proclamazione per festeggiare la vittoria».

Fonti

Wikipedia

Wikipedia ha una voce su Elezioni politiche italiane del 2006.