È morto Raimondo Vianello, volto storico della televisione italiana

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

Milano, giovedì 15 aprile 2010

La televisione italiana perde uno dei suoi volti più noti: il popolare conduttore e attore Raimondo Vianello, protagonista del piccolo schermo (e non solo), in coppia con la moglie Sandra Mondaini, da oltre cinquant'anni, è infatti morto oggi, intorno alle sette del mattino, per un blocco renale: da Pasqua era ricoverato presso il San Raffaele di Milano per l'aggravarsi delle sue condizioni, minate da tempo da una terribile malattia. Il sette maggio avrebbe compiuto ottantotto anni.

Fino all'ultimo, è stato assistito dalla moglie Sandra Mondaini, che, gravemente malata, appena appresa la notizia del decesso del marito, ha avuto uno choc, tanto da dover essere sedata con dei tranquillanti.

Iniziò la sua carriera come attore di teatro e di cinema per poi approdare alla televisione, prima in Rai e poi nelle reti Fininvest. In televisione, insieme alla moglie Sandra Mondaini, divenne presto uno dei volti più noti e popolari; presentatore, autore ed attore, sì è sempre caratterizzato per lo stile e il garbo, tanto da guadagnare l'appellativo di gentleman della tv.

Numerose personalità dello spettacolo e della politica hanno manifestato cordoglio e stima.

I funerali sono previsti per sabato alle undici, nella chiesa di Dio Padre a Segrate. "Per volere degli aventi diritto non sono permesse visite al defunto se non il giorno previsto del servizio funebre", recita un cartello all'esterno della camera mortuaria del San Raffaele. La salma verrà poi trasferita a Roma, nella tomba di famiglia al cimitero del Verano.

La carriera in breve

Numerose sono le trasmissioni televisive legate al suo nome: Tante scuse, Di nuovo tante scuse, Stasera niente di nuovo, Io e la Befana, Sandra e Raimondo Show, Zig Zag, oltre alla sit-com Casa Vianello. Vianello aveva anche condotto il Festival di Sanremo del 1998 e per 8 anni la trasmissione sportiva Pressing.

Oltre che con la moglie Sandra Mondaini, formò dei sodalizi artistici soprattutto con Ugo Tognazzi, scomparso nel 1990, e con Gianni Agus, scomparso nel 1995.

Raimondo Vianello, era nato a Roma, da una famiglia di origine veneziana il 7 maggio 1922. Figlio di un ammiraglio della Marina Militare, aveva trascorso la giovinezza a Spalato. Era laureato in giurisprudenza, ma aveva scelto il teatro. Con Sandra Mondaini era sposato dal 1962 e con lei aveva abbandonato le scene nel 2008.

Articoli correlati

Fonti