Crisi di governo: voto di fiducia al Senato, Prodi a rischio

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

giovedì 24 gennaio 2008
Si vota oggi al Senato la fiducia al Governo Prodi. Il presidente del Consiglio, Romano Prodi, ha definito "irresponsabile" creare un vuoto di governo e ha definito una "coerenza" la sua presenza al Senato. "Affronto a viso aperto la crisi". Crisi che appare inevitabile. Il sostegno di tutto il centrosinistra, dal Partito Democratico a Rifondazione Comunista, dovrebbe essere infatti insufficiente a Prodi per superare lo scoglio di Palazzo Madama, dopo i voti contrari di UDEUR e dei Liberal Democratici, del senatore Lamberto Dini.

Pomeriggio teso, comunque al Senato. Il senatore UDEUR, Nuccio Cusumano, che si dissocia dalla decisione del suo partito e vota "per coerenza" la fiducia, viene aggredito in aula dal collega di partito Barbato che tenta di sputargli, ma viene fermato dai commessi e dai colleghi, mentre in aula scoppia la bagarre con alcuni senatori della Cdl, che gli danno del venduto.

Il centrodestra, ha chiesto come ieri alla Camera il voto anticipato. I risultati sono attesi stasera.

Flag of Italy.svg
Segui lo Speciale sulla crisi del Governo Prodi su Wikinotizie.



Ricerca originale
Questo articolo (o parte di esso) si basa su informazioni frutto di ricerche o indagini condotte da parte di uno o più contributori della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.