Cultura: Borno si riscopre nel Catasto del 1853

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

giovedì 27 agosto 2009


Mappa di Borno in Val Camonica

È stato presentato ieri sera alle ore 20.30, presso la Sala Congressi del comune di Borno in Val Camonica la relazione "Borno e il suo territorio: il sistema informativo sul catasto Lombardo-Veneto (1853)".

Gli studiosi Alberto Bianchi e Riccio Vangelisti di Archimedia Scrl - Bergamo hanno illustrato alla popolazione uno strumento informatico contenente la riproduzione e l'elaborazione dei documenti tratti dal catasto Lombardo-Veneto per quanto riguarda i comuni censuari di Paline, Borno e Piamborno.

Il catasto è un insieme di documenti, mappe ed atti, le quali elencano e descrivono i beni immobili sulle quali debbano calcolarsi tasse e imposte. Il Catasto Lombardo-Veneto del 1853 permette di ricostruire con esattezza la parcellizzazione del territorio in quell'anno, riportandone l'uso dei terreni, i confini, il loro valore, i loro proprietari, i toponimi, i centri abitati e le attività manifatturiere o industriali presenti all'epoca.

Le numerose informazioni presenti per Borno vanno ad aggiungersi a quelle già presentate per i comuni di Pisogne, Esine, Berzo Inferiore, Bienno, Prestine, Malegno, Braone, Cedegolo e Temù, con l'obiettivo di coprire nei prossimi anni l'intero territorio della Valle Camonica.

Articoli correlati[modifica]

Fonti[modifica]