Guinea: governo accetta il golpista Camara come presidente

From Wikinotizie
Jump to navigation Jump to search

giovedì 25 dicembre 2008

Il primo ministro della Guinea, Ahmed Tidiane Souaré ed il suo governo si sono arresi e consegnati ai golpisti presso la caserma Alpha Yaya Diallo nella capitale Conakry.

I golpisti, riuniti nel Comitato nazionale per la democrazia e lo sviluppo (Cndd) e guidati dal capitano Moussa Dadis Camara, hanno ricevuto l'appoggio anche delle due coalizioni di opposizione guineana: la Coalizione delle forze per il cambiamento (Cfc), guidata da Alpha Condé, e l'Alleanza Nazionale per l’alternanza democratica (Anad), guidata dall’ex premier Sidya Touré.

Entrambe hanno riconosciuto Camara presidente e hanno invitato la nuova giunta militare a formare un nuovo governo e organizzare «elezioni libere e trasparenti» entro il dicembre 2009, a cui lo stesso Camara ha promesso di non partecipare.

Gli Stati Uniti d'America hanno minacciato di sospendere gli aiuti, mentre l'Unione africana ha accennato a sanzioni. Nicolas Sarkozy, presidente francese, ha espresso «l’auspicio in una transizione pacifica e democratica che permetta un rapido ritorno al normale funzionamento delle istituzioni».

Articoli correlati

Fonti