Questa è una voce in vetrina. Clicca qui per maggiori informazioni

Italia: continua l'ondata di neve e gelo, disagi nelle regioni adriatiche

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

domenica 16 dicembre 2007

Ormai da sabato mattina imperversa sull'Italia una perturbazione polare, passata prima sulla Russia e transitata per i Balcani per poi continuare verso la costa adriatica, che sta mettendo in queste ore in ginocchio molte regioni. Le più colpite sono le Marche, l'Abruzzo, il Molise e la Puglia.

Nelle Marche e in Umbria

L'incrocio tra Via Urbino e Via Erasmo Mari innevato, ad Ascoli Piceno

Nelle Marche la neve cade ininterrottamente dalla mattinata di sabato creando disagi soprattutto nelle province di Ascoli Piceno e Macerata. Ad Ascoli sono caduti 50 cm di neve mentre in alcune zone periferiche e nei Sibillini si stimano almeno 1 metro di neve. Sono state innumerevoli le chiamate ai Vigili del Fuoco soprattutto per gli incidenti accaduti a causa del ghiaccio e le cadute di alberi. Un abete è caduto sulla Statale Piceno Aprutina, senza provocare vittime, ma bloccando il traffico per diverse ore. Un altro albero è invece caduto in Viale Benedetto Croce, nel quartiere di Porta Maggiore, dove ha travolto una macchina che era parcheggiata al di sotto di esso.

Le maggiori difficoltà si sono riscontrare nei comuni di Piagge, Rosara e Venagrande, sempre nella Provincia di Ascoli Piceno, dove sono dovuti intervenire le forze dell'ordine. Sulla statale che porta ad Offida, un uomo è rimasto gravemente ferito, scontrandosi con la propria autovettura contro un albero, a causa dell'asfalto scivoloso e del ghiaccio. A Maltignano un autobus, della linea ARPA che collega l'ascolano al teramano, è rimasto bloccato per diverse ore, piazzandosi di traverso sulla strada ed impedendo la normale circolazione del traffico. Un altro bus, questa volta urbano, è rimasto invece fermo in Viale Treviri. Allo svincolo di Porta Cartara si sono verificati ben tre incidenti, a causa della rampa completamente ghiacciata. In zona Ropaga sette auto sono finite fuori strada, e si è lavorato molte ore prima che i vigili riuscissero, insieme all'ACI e all'ANAS, a rimettere in pista le macchine.

La neve ha coperto il parco di un istituto scolastico

A causa di un fulmine è andato in tilt l'impianto sciistico, che doveva aprire oggi, di Monte Piselli , colpendo e rendendo inutilizzabile la seggiovia. A Croce di Casale, ieri, ci sono stati disagi per l'inaugurazione del Traforo Pontemarese-Carbonario che è stato aperto al traffico dopo ben 18 anni di lavori per un totale di 62.000.000 di euro di spese.

In città difficoltà per gli artigiani che oggi esponevano alla Mostra del Mercatino e dell'Antiquariato, mentre è stata rinviata a domenica prossima l'asta di beneficenza, annunciata anche 2 giorni fa da Striscia la Notizia. Sul fronte sportivo, si è reso impraticabile per ben due volte il terreno di gioco dello Stadio Cino e Lillo Del Duca dove si doveva giocare Ascoli-Brescia, e che sarà rinviata o a gennaio o a marzo.

Intanto il Sindaco di Ascoli Piceno, Piero Celani, ha ordinato la chiusura di tutte le scuole della provincia di Ascoli Piceno per l'abbondante neve caduta in questi giorni.

Sulle coste ed in pianura sono state imbiancate la Riviera delle Palme di San Benedetto del Tronto e la città di Ancona. Forti i disagi nel maceratese e nel fermano dove molti sono stati i mezzi usciti fuori dalla strada. Anche ad Urbino si sono avuti dei piccoli disagi.

A Servigliano, in provincia di Fermo, la neve ha provocato il crollo del tetto di una pista di pattinaggio, deserta al momento del crollo.

In Umbria maggiori disagi si sono avuti nella provincia di Perugia dove i mezzi di soccorso hanno dovuto rimuovere alberi e detriti dalla strada. Molti sono state le autovetture rimaste ferme lungo la via Flaminia.

In Abruzzo e in Molise

Disagi nelle zone dell'entroterra soprattutto in provincia di Teramo, L'Aquila e Chieti dove la coltre bianca in collina ha raggiunto abbondantemente i 40 cm. Il Molise in queste ore è in ginocchio per le continue precipitazioni nevose, soprattutto in provincia di Campobasso.

Calabria, Puglia e Sicilia

Un convoglio Eurostar ETR-500

Continua a nevicare in entrambe le regioni, le situazioni più critiche nel Cosenzano e nel barese. Rigide le temperature registrate nella mattinata: a Cavaliere di Lorica, a circa 1.500 metri sul livello del mare, il termometro segnava -9 gradi. Molto più rigido, al limite del -20, a Botte Donato (circa 2.000 metri sul livello del mare), la vetta più alta del Parco della Sila.

A Cosenza la neve ha raggiunto i 30 centimetri mentre alcune zone limitrofe sono rimaste paralizzate. A Bocchigliero e Campana ci sono stati disagi per l'erogazione dell'energia elettrica e dei servizi telefonici, a cui stanno lavorando i volontari della protezione civile.

A Caserta un Eurostar Italia è rimasto bloccato per quasi dodici ore in balia del gelo e della neve, senza servizi di prima necessità e riscaldamento, con un bambino di 5 mesi a bordo. Anche i soccorsi non sono riusciti a trainare il mezzo con due locomotori. Tra le cause o un guasto tecnico o il ghiaccio sui binari. Il treno è ripartito a tarda notte ed arrivato alle 7:30 di questa mattina.

In Sicilia sta nevicando sui Nebrodi e le Madonie; situazione critica anche nei comuni di Randazzo, Catania, Capo d'Orlando.

Viabilità

L'autostrada A25 nei pressi del casello di Cocullo (AQ), in direzione Roma

Obbligo di catene per tutti i valichi appenninici e per le strade che vanno in direzione dei Sibillini in provincia di Macerata ed Ascoli Piceno. Chiuse l'A24 Teramo-Roma e l'A25 Pescara-Torano. Totalmente ripulita e libera dalla neve l'A14 Bologna-Taranto. Transitabile con obbligo di catene la S.S.4 Ascoli-Roma, la Superstrada Ascoli-Mare, le strade provinciali di Roccafluvione, Offida, Comunanza. Chiuse al traffico la S.S.77 tra gli svincoli di Morrovalle e Pierdiripa.

Al Sud, chiuso il tratto tra Sibari e Mormanno dell'A3 Salerno-Reggio Calabria. A tratti impraticabile la S.S.106 Ionica. Bloccati alcuni accessi alla S.S.107, nel tratto crotonese. Bloccata tra Monopoli e Polignano, la S.S.16 Adriatica, in direzione nord a causa di un tamponamento, mentre in direzione sud a causa di alcuni autocarri rimasti di traverso sulla carreggiata. Rischio di ghiaccio nelle strade statali e provinciali del foggiano e del barese.

In Sicilia, chiuso il tratto tra Caltanisetta e Mulinello dell'A19 Palermo-Catania. Disagi e traffico lento sulle strade statali 116, 117 e 120. Obbligo di catene a bordo per le arterie stradali dell'entroterra dell'isola.

Scuole

Delle conifere innevate

Le scuole lunedì saranno chiuse in provincia di Ascoli Piceno, Pescara, L'Aquila, Macerata, Chieti (in questa città a causa degli innumerevoli disagi rimarranno chiuse anche martedì), Campobasso, Isernia, Vasto, Gualdo Tadino, Bari (solo in alcuni comuni) e Cosenza.

Allerta Meteo

Nei prossimi giorni fino a martedì notte, la protezione civile rimane in allerta per le regioni del centro sud, in particolare le zone dell'ascolano e del teramano. Sono infatti previsti per la serata di lunedì copiose nevicate in provincia di Ascoli Piceno con bufere che porteranno fino a 18 cm di neve in 6 ore ad una quota di 200-300 metri. Nella giornata di oggi inoltre è prevista una spruzzata di neve o nevischio su Roma e zona periferiche.

Fonti

Notizia originale
Questo articolo contiene notizie di prima mano comunicate da parte di uno o più contribuenti della comunità di Wikinotizie.

Vedi la pagina di discussione per maggiori informazioni.

Vetrina Questo è un articolo in vetrina, il che significa che è stato identificato come uno dei migliori articoli prodotti dalla comunità.
Qualsiasi miglioramento che non comprometta il lavoro svolto è comunque ben accetto.
Vai alla votazione · Segnalazioni · Archivio