Libia: attentato al consolato statunitense, ucciso l'ambasciatore

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

sabato 15 settembre 2012

L'ambasciatore Christopher Stevens, ucciso l'11 settembre scorso nell'attacco al consolato statunitense di Bengasi

Quattro giorni fa, il consolato statunitense a Bengasi (Libia) ha subito un violento attacco da parte di forze della milizia Ansar Al-Sharia in risposta alla conferma da parte di Ayman al-Zawahiri della morte, avvenuta per mano statunitense, di Abu al-Libi, numero due del ramo libico di Al Qaida, nonché in seguito alla distribuzione del film Innocence of Muslims, ritenuto offensivo e dissacrante nei confronti del profeta islamico Maometto.

Nell'attentato hanno perso la vita l'ambasciatore degli Stati Uniti in Libia Christopher Stevens, due marines, e un impiegato del consolato. Proteste di entità minore si sono verificate anche in Egitto, al Cairo, dove i manifestanti hanno scalato i muri dell'ambasciata statunitense e hanno abbattuto la bandiera a stelle e strisce per poi bruciarla e sostituirla con quella nera islamica. Successivamente, tuttavia, le manifestazioni di protesta si sono propagate anche in altri Paesi islamici, tra cui lo Yemen. A seguito di questi fatti, il governo degli Stati Uniti ha predisposto l'invio il Libia di 200 marines e un'offensiva con l'uso di droni; ha anche ordinato il trasferimento del personale diplomatico da Bengasi a Tripoli.

Il primo ministro libico, Muṣṭafā Abū Shāqūr, ha condannato l'attacco dicendo: «Pur condannando con fermezza ogni tentativo di offendere la persona di Maometto, ogni insulto ai nostri luoghi santi e ogni pregiudizio contro la nostra fede, rifiutiamo e condanniamo fermamente l'uso della forza per terrorizzare e uccidere persone innocenti». Ha comunque ribadito «la profondità del rapporto tra Libia e Stati Uniti, intensificatisi con la presa di posizione del governo degli Stati Uniti a sostegno della rivoluzione del 17 febbraio».

Muḥammad Yūsuf al-Maqariyaf, presidente della Congresso Generale Nazionale della Libia, ha detto: «Presentiamo le nostre scuse agli Usa, al popolo americano e al mondo intero; […] dobbiamo opporci in modo inequivocabile a questa violenza senza senso che è costata la vita di servitori dello Stato».

Fonti

CC-BY-SA icon.svg Articolo pubblicato con licenza CC BY-SA,
in quanto importato da Wikipedia.