Somalia: i pirati sequestrano la superpetroliera saudita Sirius Star

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

martedì 18 novembre 2008

La superpetroliera "AbQaiq" avente una capacità maggiore della "Sirius Star"

L'ultima nave sequestrata dai pirati somali è stata una superpetroliera assaltata al largo delle coste kenyane.

La "Sirius Star", questo è il nome della nave sequestrata lo scorso sabato, armata da una società di navigazione saudita, è la più grande nave sequestrata e dirottata fino ad ora dai corsari somali e inoltre il primo gigante del mare sequestrato nella storia della pirateria: 330 metri di lunghezza, 318 mila tonnellate, circa 2 milioni di barili per 100 milioni di dollari (diretti negli USA), oltre ai 150 milioni del costo della stessa petroliera.

Attualmente la nave, col suo carico di petrolio e i 25 marittimi imbarcati, sta dirigendosi verso il porto somalo di Eyl dove i pirati hanno la loro base.

La "Sirius Star" è stata attaccata a circa 450 miglia nautiche dalla costa (l'arrembaggio è avvenuto a 800 km ad Est di Mombasa, Kenya), cosa che, secondo l'IMB (Ufficio Marittimo Internazionale), porterebbe a supporre un'azione altamente organizzata, che ha evitato i controlli della flotta di circa 20 navi in pattugliamento nella zona. Al momento restano 12 navi nelle mani dei pirati, tra cui quella con i 33 carri armati ucraini sequestrata settimane fa, e ora anche una grossa nave da trasporto con 36.000 di tonnellate di farina di Hong Kong.

Fonti[modifica]

  • TG 3 delle 19.00, del 18 novembre 2008