UEFA Champions League 2012-2013: il ritorno degli spareggi

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

venerdì 31 agosto 2012

Maicosuel, fatale il suo tiro dagli undici metri bloccato da Beto

Tra il 28 e il 29 agosto si sono giocate le gare di ritorno degli spareggi per l'accesso alla fase a gruppi della Champions League. Dieci le squadre che vanno a completare il novero delle trentadue iscritte alla manifestazione: sono BATE Borisov, Anderlecht, Dinamo Zagabria, Sporting Braga, Málaga, Cluj, Celtic, Spartak Mosca, Dinamo Kiev e Lille.

I bielorussi del BATE pareggiano 1-1 contro l'Ironi Kiryat Shmona: al vantaggio iniziale degli israeliani con László Lencse risponde nei minuti di recupero Aleksander Pavlov. La società di Borisov passa il turno grazie al 2-0 ottenuto all'andata. In Belgio l'Anderlecht si qualifica a fatica contro l'AEL Limassol: Dieudonné Mbokani e Oleksandr Jakovenko (subentrato nella seconda frazione di gioco) siglano le due reti che consentono ai belgi di proseguire il cammino nella competizione continentale più importante (3-2 complessivo). Gara nervosa, soprattutto nel finale: nove gli ammoniti.

Con la rete di Ideye la Dinamo Kiev entra nella fase a gironi della Champions League

In Slovenia il Maribor perde in casa contro la Dinamo Zagabria: decide una marcatura di Tonel al 12'. Nel finale gli sloveni, già sconfitti all'andata, restano anche in dieci: viene espulso Arghus. A Udine i padroni di casa dell'Udinese pareggiano per 1-1 contro il Braga: Pablo Armero porta in vantaggio gli italiani, raggiunti nel secondo tempo dal gol di Rúben Micael. Ai tempi supplementari il risultato rimane invariato, si va ai calci di rigore. Dagli undici metri è decisivo il "cucchiaio" fallito da Maicosuel, attaccante dell'Udinese, che decreta l'eliminazione della squadra friulana.

Ad Atene il Panathinaikos non va oltre lo 0-0 contro il Málaga, e viene perciò estromesso dalla competizione in virtù dello 0-2 dell'andata. Per la squadra spagnola è invece la prima storica qualificazione alla fase a gironi del torneo continentale. In Romania il Cluj elimina il Basilea: è Pantelis Kapetanos, al 20', a regalare il successo alla società rumena. Gli svizzeri avrebbero l'occasione per riaprire l'incontro su rigore, ma dal dischetto Alexander Frei sbaglia. Passa il Cluj dopo il successo per 2-1 all'andata.

A Glasgow il Celtic vince agevolmente contro l'Helsingborg per 2-0 e supera il turno (reti di Gary Hooper e Victor Wanyama) mentre ad Istanbul il Fenerbahçe viene eliminato dallo Spartak Mosca. I russi si portano avanti grazie ad un contropiede iniziato e finalizzato da Ari; nel secondo tempo Moussa Sow riporta quindi le squadre in parità. L'assalto finale del Fenerbahçe è però vano, nonostante l'inferiorità numerica degli avversari per l'espulsione di Demy De Zeeuw: passa lo Spartak, vincitore 2-1 all'andata.

A Kiev la Dinamo ottiene il passaggio del turno a scapito del Borussia Mönchengladbach: i tedeschi, sconfitti per 1-3 in casa all'andata, passano in vantaggio grazie ad un'autorete di Jevhen Chačeridi, e raddoppiano al 78' con Juan Arango. La Dinamo replica nel finale con la rete di Ideye, che regala il punto del 4-3 complessivo in favore degli ucraini. In Francia il Lille batte invece per 2-0 il Copenaghen dopo 120 minuti di gioco e avanza alla fase a gruppi: decisive le reti di Lucas Digne al 43' del primo tempo e di Túlio de Melo nei supplementari.

Le squadre perdenti, ovvero Ironi Kyriat Shmona, AEL Limassol, Maribor, Udinese, Panathinaikos, Basilea, Helsingborg, Fenerbahçe, Borussia Mönchengladbach e Copenaghen, vengono "retrocesse" in Europa League, competizione che le vedrà partecipare alla fase a gruppi insieme ad altre 38 formazioni.

Fonti[modifica]

  • «Partite»UEFA, 31 agosto 2012.