USA, elezioni di medio termine: i Repubblicani perdono anche il Senato

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

9 novembre 2006
WASHINGTON D.C. (USA). Thump (bastonata) l’ha chiamato, George W. Bush, il risultato delle elezioni di medio termine tenutesi negli Stati Uniti lo scorso 7 novembre. E infatti il risultato elettorale ha assunto, per il presidente ormai sempre più isolato, e per il Partito Repubblicano, i contorni d’una vera e propria debâcle: già perso il controllo della Camera da ieri, e persi 6 governatori (adesso i Democratici guidano 28 Stati dell’Unione su 50), i Repubblicani sono andati sotto anche al Senato, in base ai conteggi: 49 sono i senatori Repubblicani, contro 49 Democratici e 2 indipendenti, questi ultimi storicamente sempre schierati con il partito dell’Asinello (il simbolo repubblicano è, invece, un elefante). I Democratici riacquistano così il controllo completo dei due rami del Congresso degli Stati Uniti d'America, cosa che non succedeva dal 1992. Non è la prima volta che il presidente si trova a dover fronteggiare una maggioranza opposta al Congresso: Ronald Reagan, repubblicano, fu al potere con un Congresso interamente democratico, e Bill Clinton, democratico, al contrario dovette fronteggiare un Congresso repubblicano. Non si tratta quindi di una situazione insolita per un presidente, ma la conflittualità e le prese di posizione radicali assunte dall’amministrazione Bush daranno verosimilmente vita a uno scenario in cui la maggioranza Democratica al Congresso sarà particolarmente agguerrita, soprattutto riguardo ad alcuni argomenti di stringente attualità, come la politica estera e le guerre preventive in Medio Oriente, e le politiche di assistenza sanitaria e di protezione civile per quanto riguarda gli affari interni.

RUMSFELD DIMESSO. Come spesso accade dopo un tracollo elettorale, il personaggio più in vista di un’amministrazione viene sacrificato. È il caso di Donald Rumsfeld, tra gli ideologi della politica neo-con degli ultimi anni della presidenza Bush, ufficialmente dimessosi nel day after repubblicano, ma - secondo alcuni - invitato a sgombrare il campo per evitare sia di zavorrare ulteriormente l’inquilino della Casa Bianca che di affossare definitivamente le speranze residue dei Repubblicani di aspirare alla presidenza anche nel 2008, quando Bush sarà diventato ineleggibile per scadenza del suo secondo mandato. Al posto di Rumsfeld viene chiamato Robert Gates, già direttore della CIA ai tempi di Bush padre e personaggio ritenuto molto pragmatico. Il voto del 7 novembre ha, infatti, sancito una solenne bocciatura dei neo-con e del loro laboratorio politico: l’idea - molto diffusa negli ambienti della destra cristiana USA - di voler giustificare l’azione degli Stati Uniti nel mondo alla luce di un disegno superiore preordinato, alla lunga ha mostrato tutte le sue contraddizioni, specie dopo le oggettive difficoltà sorte dopo l’invasione dell’Iraq, il rovesciamento di Saddam Hussein e l’ancora al di là da venire ritorno a una situazione politica e civile stabile in quel Paese. Il primo problema di Bush - che dal 3 gennaio 2007 avrà a che fare con un nuovo Congresso che sicuramente userà tutti i poteri ispettivi e di controllo a disposizione per passare al setaccio qualsiasi atto della sua amministrazione - sarà trovare una via politica d’uscita all’impasse - Iraq: finora, tutti i governi che hanno avuto a che fare con la presenza militare in quel Paese sono caduti, su tutti Spagna e Italia, che hanno visto il cambio da una guida di centro-destra a una di centro-sinistra. Quanto alla Gran Bretagna, anche il Laburista Tony Blair ha visto erodere i consensi in maniera sensibile, e solo l’inconsistenza della controparte Conservatrice ha fatto sì che gli ultimi test elettorali britannici non si risolvessero in un tracollo laburista.

I governatori

6 amministrazioni Statali dell’Unione su 36 hanno cambiato colore politico, e in tutti e sei i casi si tratta di passaggio dal partito Repubblicano a quello Democratico. Nelle rimanenti 30 amministrazioni è stato confermato il governatore uscente o, quantomeno, il partito del nuovo governatore non è cambiato. Questo il dettaglio (R = Repubblicano, D = Democratico. In corsivo tra parentesi il governatore uscente).

Fonti