Zimbabwe: Mugabe apre all'opposizione

Da Wikinotizie, le notizie a contenuto aperto
Jump to navigation Jump to search

mercoledì 11 febbraio 2009

Da oggi lo Zimbabwe ha un nuovo governo, formato dalla coalizione tra i partiti di Zanu-Pf di Robert Mugabe e l'Mdc di Morgan Tsvangirai, ai quali si aggiunge l gruppo Mdc-Mutambara.

Grazie al contributo di Kgalema Motlanthe, presidente del Sudafrica, si è giunti all'accordo che ha ottenuto 16 dei 31 ministeri, tra i quali quello delle Finanze, degli Esteri e dell'Economia e si è assicurato una decisiva presenza all'interno del Consiglio di sicurezza. Mugabe conserverà invece la carica di presidente e guida del Consiglio di sicurezza, mentre Tsvangirai sarà primo ministro.

Tsvangirai, parlando delle violenze: «Tutto questo da oggi deve finire. Non saremo più fratelli contro fratelli, nonostante abbiamo opinioni diverse».

Mugabe: «Tendo la mano dell'amicizia e della cooperazione, una cooperazione calorosa e solidale, al servizio del nostro grande paese, lo Zimbabwe. Se ieri eravamo degli avversari oggi puntiamo all'unità. È una vittoria per il paese. Abbiamo mostrato che siamo capaci di risolvere le nostre differenze con il negoziato e il compromesso. Ci dobbiamo servire di questa unità per trasformare le nostre spade in aratri».

Articoli correlati

Fonti